Il 2017 sarà l’anno dei reboot: il cinema hollywoodiano non ha più nuove idee

Redazione di Redazione, in Cinema, Film in uscita, del

Il nuovo anno è ormai cominciato da un pezzo, ma sono ancora molte le novità cinematografiche – se così possiamo chiamarle – in programma per questa stagione. Novità, in effetti, è una parola che implica freschezza, innovazione, originalità. E la programmazione hollywoodiana, seppur non totalmente, sembra offrire per il 2017 solo reboot e remake. Da…

Il Partenone come la Gioconda: “Il British Museum ridia i fregi di Fidia alla Grecia”

Redazione di Redazione, in Arte, del

La Grecia rivuole indietro i fregi del Partenone che sono custoditi al British Museum di Londra, dove furono esposti a partire dal 1816 dopo l’acquisto da parte di Lord Elgin che li pagò agli Ottomani, che all’epoca dominavano il Peloponneso. Un esproprio che è sempre stato considerato dagli ellenici una specie di furto, quello dei due…

Kurt Cobain e Roma: quella volta che spaccò la chitarra sul palco del Piper

Redazione di Redazione, in Musica, del

Mezzo secolo di Kurt Cobain. Il 20 febbraio 1967 nasceva ad Aberdeen (Stati Uniti) il  frontman dei Nirvana, vera e propria icona di ormai due generazioni a tal punto da influenzare ancora oggi sia la musica che la cultura giovanile. Nonostante la sua breve esistenza la rivista Rolling Stone lo ha eletto miglior artista degli anni…

Appuntamento al buio al cinema: oggi a Torino 5 euro per vedere un film a sorpresa

Redazione di Redazione, in Cinema, del

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, è ancora alle prese con l’invio delle lettere ai presidenti di Anica, Anec e Anem per chiedere una proroga di sei mesi del Cinema 2 day, il mercoledì in sala a soli 2 euro che ha riscosso parecchio successo in tutta Italia. Intanto…

Quando un’idea è più forte delle fiamme: il 17 febbraio 1600 moriva Giordano Bruno

Redazione di Redazione, in Letteratura, del

«Forse tremate più voi nel pronunciare contro di me questa sentenza che io nell’ascoltarla». Molti di voi forse conosceranno queste parole, così cariche di significato e rilevanza storica. Sono le parole di Giordano Bruno, pronunciate 417 anni fa davanti ai giudici dell’Inquisizione, prima di essere condotto a piedi scalzi e con la lingua stretta nella…

Alessandro Nardone racconta Alex Anderson, il fake che voleva battere Trump

Giuseppe Di Matteo di Giuseppe Di Matteo, in Media, New media, del

Il suo sito è ancora visibile (http://www.alexanderson2016.com/) e lo slogan in alto tutt’altro che sbiadito: “America is now”. Oltre 30mila follower su Twitter, una biografia costruita da zero, con tanto di video e gadget, un programma politico credibile. Alex Anderson aveva tutto per aspirare alla presidenza degli Stati Uniti. Nell’estate del 2015 si era pure…

Pillole

  • #LaStreetArtDiBanksy

    Banksy, uno dei più celebri street artist inglesi, ha "donato" un murale alla scuola elementare Bridge Farm di Bristol in risposta a una lettera in cui i bambini invitavano l'artista a unirsi a loro. Una toccata e fuga, mentre la scuola era chiusa per la pausa di mezza stagione, durante la quale Banksy ha regalato agli studenti un'opportunità per essere creativi. Infatti, in un messaggio lasciato con l'opera scrive: "Se non vi piace, sentitevi liberi di aggiungere roba. [...] Riordate, è sempre più facile ottenere perdono che permesso".


  • #caschibluperlacultura

    "Il Comando dei carabinieri per la tutela del patrimonio culturale è già pronto e operativo ed è a disposizione dell'Unesco", così il Ministro Franceschini annuncia la disposizione di dedicare una task force specializzata nella tutela dei beni culturali del paese. Franceschini invita gli altri paesi a fare lo stesso per difendere al meglio il retaggio culturale dei rispettivi paesi dalle azioni terroristiche che negli ultimi tempi si sono concentrate sui beni archeologici e culturali.


  • #LibriLiberiInArgentina

    Il nuovo governo argentino sta lavorando per promuovere la bibliodiversità all'interno del Paese. Risale al 2010 il divieto di importare prodotti editoriali internazionali, giustificato dall'ex segretario al Commercio interno, Guillermo Moreno, come una misura protettiva nei confronti dei lettori e dell'ambiente, in quanto i libri stampati all'estero conterrebbero dosi eccessive di piombo. Questo provvedimento ha provocato una drastica riduzione dell'offerta di libri e costretto i cittadini a barcamenarsi tra intrecci burocratici per riuscire a portare all'interno del Paese libri acquistati oltre confine. Ma le cose stanno cambiando e ad annunciarlo il Ministro della Produzione e il Ministro della Cultura: "L’obiettivo è favorire una maggiore integrazione internazionale dell’industria bibliografica argentina, aumentare la ‘bibliodiversità’, dare agli argentini più possibilità di scelta e favorire gli scambi tra l’editoria locale e i mercati internazionali”.


Cultora © 2017, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy