• 21/06 @ 14:54, @SopravviviMi @MediasetTgcom24 @laurabusn Grazie mille!
  • 21/06 @ 14:54, RT @SopravviviMi: I consigli del libraio di Giugno! Su Letti a Letto @MediasetTgcom24 @laurabusn della Libreria Cultora di #Milano @culto…
  • 09/03 @ 15:51, La direzione di #HistoricaEdizioni saluta dal proprio stand un tempo nuovo, un #tempodilibri e di #cultura. In fot… https://t.co/JzpN8XKnCN
  • 09/03 @ 14:02, Oggi c’è aria di #ribellione a #tempodilibri. https://t.co/XZYA5tEy1E #Copertina a cura di Giulia Capitani… https://t.co/4f2XDrOzQp
  • 09/03 @ 11:57, Perché esiste #gendergap nel mondo della scrittura? A #tempodilibri, l’incontro “Leggere è femminile, scrivere è m… https://t.co/vWprmOGtSI
  • 08/03 @ 18:09, #8marzo, #tempodilibri ma anche tempo di #donne. Marta Meli, giornalista SkyTg24, apre il confronto su donne e scie… https://t.co/9QWlTubM97

Art in Pills e storiuncole: romanzo familiare di Jacqueline Woodson

Viviana Filippini di Viviana Filippini, in Blog, del

Autobiografia di una foto di famiglia, Jacqueline Woodson (Clichy editore 2018)

Jacqueline Woodson è una nota autrice di libri per bambini, ma non mancano nella sua produzione scritti per adulti. Dopo Figlie di Brooklyn, la casa editrice   Clichy   di Firenze, ha pubblicato Autobiografia di una foto di famiglia, tradotto da Chiara Baffa.

Vita di famiglia tra storia e Storia

Il romanzo è un affresco di una famiglia e di un’epoca che ha per protagonista e narratrice una ragazzina afro-americana. La vicenda si svolge nella New York tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Settanta. In questo mondo, dove si percepiscono gli echi della guerra del Vietnam, la nascita del movimento gay, il blackout che lasciò al buio New York tra il 13 e il 14 luglio del 1977, si muovono la protagonista e i suoi fratelli.

Il tutto come se fosse un album fotografico nel quale ogni pagina è un’immagine che racconta la vita di coloro che ne sono interpreti. La protagonista è circondata da una madre affascinate, da un padre taxista, da Troy, fratello omosessuale spedito in Vietnam; poi ci sono la sorella maggiore Angel, il fratello sempre un po’ cupo e irascibile Carlos e Cory, il più piccolo, con una pelle un po’ troppo chiara per una famiglia di afroamericani e un’aria sempre malaticcia. La narrazione in Autobiografia di una foto di famiglia procede tra momenti di vita quotidiana e diatribe familiari che, piano piano, porteranno i genitori della ragazzina a separarsi.

Un viaggio in un famiglia afro-americana

L’universo creato dalla Woodson è fatto da gente di colore ma, indipendentemente dal tono cromatico della pelle, quello che le pagine restituiscono è il dipinto letterario di una famiglia e di tutte quelle che sono, e possono essere, le sue problematiche ed emozioni messe in gioco, giorno dopo giorno.

E allora troviamo la protagonista che vorrebbe farsi un bagno in santa pace senza essere importunata dal fratello Carlos. Troviamo Angel che rischierà di finire vittima di un abuso da parte del nuovo compagno della madre. C’è il tragico destino di Troy e le ossessioni di Cory, che ha l’insana abitudine di mangiare la pittura dei muri.

Ironia e simpatia, ma mai banalità

Il ritratto di famiglia presentato dalla Woodson è simpatico, ironico, a tratti ammetto anche un pizzico surreale, ma è un vero e proprio viaggio nella cultura afroamericana, che non cede mai alla banalità. Tra le pagine infatti si affrontano temi che fanno riflettere quali il senso di impotenza davanti alla morte di un figlio; il fallimento del proprio essere genitori davanti ad una figlia che non si è stati in grado di proteggere in modo completo; l’ansia e il bisogno di avere soldi, anche pochi, per comprare il cibo per i propri figli. Garbato e sensibile è anche il modo in cui la voce narrante esprime i suoi tormenti amorosi e per il suo esser sì donna, ma sentirsi piuttosto un “maschiaccio”, che il ritratto della femminilità perfetta

Romanzo corale

Autobiografia di una foto di famiglia di Jacqueline Woodson è l’affresco corale di una famiglia poliedrica, raccontata attraverso gli occhi di un’adolescente alla ricerca nel suo posto nel mondo in un’America, quella fra anni Sessanta e Sessanta, dove il colore della pelle, l’orientamento sessuale e lo status sociale a volte rendevano la vita – forse ancora oggi- e il sopravvivere una vera e propria eroica impresa quotidiana.

Jacqueline Amanda Woodson (Columbus, 12 febbraio 1963) è una scrittrice statunitense specializzata in letteratura per ragazzi. Nata a Columbus, nell’Ohio, vive e lavora a Brooklyn. Cresciuta a Greenville, nella Carolina del Sud, e a Brooklyn, si è laureata in Inglese e prima di approdare alla scrittura è stata terapista per bambini scappati di casa e senzatetto a New York. Nominata National Ambassador for Young People’s Literature per il biennio 2018-1019. Ha ricevuto svariati riconoscimenti tra i quali spicca l’Astrid Lindgren Memorial Award alla carriera nel 2018. Inoltre ha vinto quattro volte il Newbery Honor e due volte il Coretta Scott King Award. Per saperne di più www.jacquelinewoodson.com

Viviana Filippini

Viviana Filippini

Viviana Filippini (Orzinuovi –Bs-, 1981) è giornalista pubblicista e collabora dal 2007 con il quotidiano «Giornale di Brescia» come corrispondente esterno. Si è laureata in Dams (Cinema e audiovisivi) alla Facoltà di Lettere e Filosofia all’Università Cattolica di Brescia con una tesi sul Bildungsroman (Romanzo di formazione), scrive di libri su blog letterari e culturali (Liberi di scrivere, Sul romanzo). Dal 2015 ha un blog dedicato all’arte (Art in Pills) sul portale Cultora.it. Tiene corsi di Scrittura creativa, di Riscoperta dei Classici della letteratura e di Storia del Cinema. Ha fatto la speaker radiofonica. Ha curato le antologie di Racconti bresciani(Vol I, II, III, IV, V) per Historica edizioni, 2015 Cesena, e scritto Brescia segreta. Luoghi, storie e personaggi della città, Historica, 2015 Cesena e la storia per ragazzi Furio e la Beata Paola Gambara Costa, illustrata da Barbara Mancini, ebm edizioni, Manerbio 2015. A passo sospeso. The Floating Piers Christo & Jeanne Claude, Temperino Rosso, Brescia 2016. Onte il Camaleonte, ed. Arpeggio libero, 2017. Illustrazioni di Daisy Romero.

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy