• 21/06 @ 14:54, @SopravviviMi @MediasetTgcom24 @laurabusn Grazie mille!
  • 21/06 @ 14:54, RT @SopravviviMi: I consigli del libraio di Giugno! Su Letti a Letto @MediasetTgcom24 @laurabusn della Libreria Cultora di #Milano @culto…
  • 09/03 @ 15:51, La direzione di #HistoricaEdizioni saluta dal proprio stand un tempo nuovo, un #tempodilibri e di #cultura. In fot… https://t.co/JzpN8XKnCN
  • 09/03 @ 14:02, Oggi c’è aria di #ribellione a #tempodilibri. https://t.co/XZYA5tEy1E #Copertina a cura di Giulia Capitani… https://t.co/4f2XDrOzQp
  • 09/03 @ 11:57, Perché esiste #gendergap nel mondo della scrittura? A #tempodilibri, l’incontro “Leggere è femminile, scrivere è m… https://t.co/vWprmOGtSI
  • 08/03 @ 18:09, #8marzo, #tempodilibri ma anche tempo di #donne. Marta Meli, giornalista SkyTg24, apre il confronto su donne e scie… https://t.co/9QWlTubM97

Apple Watch: apps da rivoluzionare?

Redazione di Redazione, in Viaggio, del

Apple Watch: un dispositivo portatile a se stante oppure un semplice dispositivo per il controllo a distanza dell’iPhone? Questa è la domanda che in molti si sono posti dopo poche settimane dall’uscita del nuovo gioiellino di casa Apple. Marco Arment, sviluppatore professionista nonché creatore di Instapaper, un app di cui abbiamo già parlato, capace di salvare gli articoli per leggerli in futuro, ci spiega il suo punto di vista.

Secondo Arment il dispositivo da polso dell’Apple è soltanto un organo da integrare all’iPhone, che non può godere di vita propria, quindi non può essere indipendente dallo smartphone. Infatti secondo alcune sue dichiarazioni, il dispositivo risulta essere troppo lento, al punto da aver dovuto mettere mano alla sua app Overcast, la quale rimaneva bloccata durante il caricamento fino a che il dispositivo andasse in modalità standby automaticamente. L’app Apple Watch perciò è stata ridisegnata dopo poche settimane dall’uscita poiché risultavano evidenti le incongruenze tra quest’ultima e il podcast Overcast di Arment. I problemi tra le due applicazioni nascevano dalla difficoltà di comunicazione bluetooth tra l’Iphone e l’Apple Watch.

Le modifiche apportate da parte di Arment lavorano focalizzandosi sul “now playing” a differenza del sistema tripartito e gerarchico che, invece, viene utilizzato su Iphone, riferendosi sempre a Overcast; in tal modo l’Apple Watch lavora più velocemente così da essere più prestante.

Le conclusioni tratte da Marco Arment perciò tendono a ricercare una nuova concezione dell’app per Apple Watch, il quale ha bisogno di apps rielaborate rispetto a quelle per Iphone, così da conferire al dispositivo da polso una marcia in più rispetto agli altri, tentando di non rimanere un oggetto ibrido tra un Iphone e un auricolare bluetooth.

Redazione

Redazione

Cultora è un magazine online dedicato al mondo della cultura in generale. Uno spazio nuovo e dinamico all'interno del quale è possibile trovare notizie sempre aggiornate su libri e letteratura, musica, cinema, media e nuove tecnologie. Sono inoltre parte integrante del portale numerosi spazi dedicati a blog curati da giornalisti, addetti ai lavori, opinion leader che offrono le loro personali opinioni e esaustivi approfondimenti riguardo i temi più caldi del mondo della cultura.

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy