• 21/06 @ 14:54, @SopravviviMi @MediasetTgcom24 @laurabusn Grazie mille!
  • 21/06 @ 14:54, RT @SopravviviMi: I consigli del libraio di Giugno! Su Letti a Letto @MediasetTgcom24 @laurabusn della Libreria Cultora di #Milano @culto…
  • 09/03 @ 15:51, La direzione di #HistoricaEdizioni saluta dal proprio stand un tempo nuovo, un #tempodilibri e di #cultura. In fot… https://t.co/JzpN8XKnCN
  • 09/03 @ 14:02, Oggi c’è aria di #ribellione a #tempodilibri. https://t.co/XZYA5tEy1E #Copertina a cura di Giulia Capitani… https://t.co/4f2XDrOzQp
  • 09/03 @ 11:57, Perché esiste #gendergap nel mondo della scrittura? A #tempodilibri, l’incontro “Leggere è femminile, scrivere è m… https://t.co/vWprmOGtSI
  • 08/03 @ 18:09, #8marzo, #tempodilibri ma anche tempo di #donne. Marta Meli, giornalista SkyTg24, apre il confronto su donne e scie… https://t.co/9QWlTubM97

Wilder Mind, la nuova fase dei Mumford & Sons non convince

Redazione di Redazione, in Musica, del

Queste sono le parole con cui i Mumford & Sons hanno presentato Wilder Mind, l’atteso nuovo album uscito il 5 maggio per Glassnote/Universal che a sorpresa ha stravolto il sound del quartetto folk londinese: “Verso la fine del tour di Babel  suonavamo sempre nuove canzoni durante il soundcheck e in nessuna c’era spazio per il banjo o per una kick-drum. Non ci siamo mai detti: no strumenti acustici, ma penso che ognuno di noi avesse in sé il desiderio di fare qualcosa di diverso. Il nostro modo di scrivere non è cambiato drasticamente, si è solo fatto guidare dal desiderio di non fare ancora la stessa cosa. In più ci siamo innamorati della batteria, semplicemente!”, ha dichiarato il tastierista Ben Lovett. I Mumford & Sons si erano fatti conoscere con il loro album di debutto Sigh no more del 2009 e soprattutto con il successivo Babel del 2012 proprio per il suo sound acustico. Invece di proseguire su quella strada certa, che li ha anche portati a vincere il Grammy Award come miglior disco dell’anno proprio con Babel e che ha prodotto moltissimi emuli del loro stile, i Mumford & Sons hanno scelto di passare a sonorità elettriche.

In sostanza, come ha efficacemente scritto il sito web americano allmusic.com, mentre molti vogliono assomigliare ai Mumford & Sons, i Mumford & Sons hanno deciso di essere altro. Se l’intenzione è comprensibile e lodevole il risultato finale è spesso deludente, perché con Wilder Mind la band inglese assomiglia a tanti altri bravi gruppi rock contemporanei al limite del mainstream. Dove è finito lo spirito folk e old style segreto del loro fascino? In qualche modo queste caratteristiche si potevano mantenere anche senza l’uso del banjo che li aveva resi celebri e in qualche modo originali. Il disco, che ha poco di selvaggio (“wild”), scivola in modo piacevole grazie all’indiscutibile bravura dei musicisti e alla produzione curatissima, non lasciando però il segno. Si distinguono i brani Cold Arms, che rispolvera il tono introspettivo e acustico degli album precedenti, Only love, ballata minimal con esplosione rock finale nella quale si evidenziano le doti canore di Marcus, e la ballata intimista Hot gates, tutti stranamente inseriti nella parte finale del disco. Peccato, ma siamo certi che per il prossimo album i Mumford & Sons ripartiranno con il piede giusto.

Redazione

Redazione

Cultora è un magazine online dedicato al mondo della cultura in generale. Uno spazio nuovo e dinamico all'interno del quale è possibile trovare notizie sempre aggiornate su libri e letteratura, musica, cinema, media e nuove tecnologie. Sono inoltre parte integrante del portale numerosi spazi dedicati a blog curati da giornalisti, addetti ai lavori, opinion leader che offrono le loro personali opinioni e esaustivi approfondimenti riguardo i temi più caldi del mondo della cultura.

Cultora © 2020, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy