@cultorait
  • 21/06 @ 14:54, @SopravviviMi @MediasetTgcom24 @laurabusn Grazie mille!
  • 21/06 @ 14:54, RT @SopravviviMi: I consigli del libraio di Giugno! Su Letti a Letto @MediasetTgcom24 @laurabusn della Libreria Cultora di #Milano @culto…
  • 09/03 @ 15:51, La direzione di #HistoricaEdizioni saluta dal proprio stand un tempo nuovo, un #tempodilibri e di #cultura. In fot… https://t.co/JzpN8XKnCN
  • 09/03 @ 14:02, Oggi c’è aria di #ribellione a #tempodilibri. https://t.co/XZYA5tEy1E #Copertina a cura di Giulia Capitani… https://t.co/4f2XDrOzQp
  • 09/03 @ 11:57, Perché esiste #gendergap nel mondo della scrittura? A #tempodilibri, l’incontro “Leggere è femminile, scrivere è m… https://t.co/vWprmOGtSI
  • 08/03 @ 18:09, #8marzo, #tempodilibri ma anche tempo di #donne. Marta Meli, giornalista SkyTg24, apre il confronto su donne e scie… https://t.co/9QWlTubM97

Arte in Pills: Levi e Ragghianti. Un’amicizia fra pittura, politica e letteratura

di Viviana Filippini, in Arte, Blog, del

A cura di Viviana Filippini

Per i 40 anni della Fondazione Centro Studi “Ragghianti””, scattat  nell’autunno del 2021, il centro ha deciso di approfondire il tema dell’amicizia fra Carlo Ludovico Ragghianti (Lucca, 1910 – Firenze, 1987) e il pittore, scrittore e uomo politico Carlo Levi (Torino, 1902 – Roma, 1975). Da questa volontà di indagine è nata la mostra Levi e Ragghianti. Un’amicizia fra pittura, politica e letteratura, visitabile fino al 20 marzo a Lucca alla Fondazione Ragghianti.

Carlo Ragghinati, C. Levi, 1944

La mostra, curata da Paolo Bolpagni, Daniela Fonti e Antonella Lavorgna, è stata realizzata in collaborazione con la Fondazione “Carlo Levi” di Roma, perché è in questi due archivi che si conservano documenti della sfera storico-artistica e critica dei due amici. A Lucca sono presenti un poderoso nucleo di lettere (dal 1943 al 1971) e testi dattiloscritti di Ragghianti su Carlo Levi. Nell’archivio romano sono mantenuti autografi della monografia di Ragghianti, corredati da annotazioni per la stesura del volume destinate da Levi al suo curatore, nonché fotografie inedite. Molti di questi materiali sono esposti nelle sale (prima e ultima) della fondazione.

Autoritratto, C. Levi, 1930

Cosa c’è in mostra

La mostra e il catalogo sono una vera e propria testimonianza, grazie a opere d’arte, lettere, documenti, fotografie e filmati, che narra il legame e il significato che aveva la profonda  amicizia fra Ragghianti e Levi. Tra gli interessi comuni oltre all’arte anche quello per per il cinema. Non a caso nella carriera di  Levi ci fu il lavoro di sceneggiatore e scenografo per alcuni film, quello di disegnatore del manifesto di Accattone di Pier Paolo Pasolini e sempre a Roma, dagli anni Cinquanta, lo si ricorda come ritrattista molto apprezzato da molti personaggi del mondo del cinema (da Silvana Mangano, Anna Magnani, Franco Citti fino a Pasolini) ritratti e presenti  nella mostra, assieme a quelli realizzati da Ragghianti e dai loro comuni amici, come Eugenio Montale e Carlo Emilio Gadda.

Carlo Ragghianti e Carlo Levi


Ritratto di Eugenio-Montale, C. Levi, 1941,
ph. Riccardo Lodovici

Ragghianti e Levi consolidarono la loro amicizia a Firenze, durante il periodo dell’occupazione nazista, grazie alla comune militanza politica nella Resistenza, perché fu a Firenze che Levi, nel 1941, trovò rifugio clandestino in casa di Anna Maria Ichino in piazza Pitti. fu in questo luogo vhr Levi scrisse il suo più noto romanzo, Cristo si è fermato a Eboli, al quale è dedicata una sezione della mostra. Politica, letteratura e arte sono gli elementi che legano Ragghianti a Levi, tanto è vero che l’interesse di Ragghianti verso Levi pittore si manifestò già nel 1936, quando Ragghianti scrisse di Levi nel suo articolo dedicato alla pittura italiana contemporanea e nel 1939 sulla rivista «La critica d’arte» la mostra a New York .

Per la Fondazione “Ragghianti” la mostra sul rapporto di amicizia tra Ragghinati e Levi è un evento di forte identità, fondamentale per consolidare i 40 anni della sua istituzione e per scandagliare l’amicizia tra due personalità importanti per la politica, pittura e letteratura italiana del Novecento.

Levi e Ragghianti. Un’amicizia fra pittura, politica e letteratura

fino 20 marzo 2022

Fondazione Ragghianti, via San Micheletto 3, Lucca https://www.fondazioneragghianti.it/

Apertura dal martedì alla domenica, ore 10-13, 14:30-18:30

Biglietto intero 5 euro, ridotto 3 euro

Produzione: Fondazione Centro Studi sull’Arte Licia e Carlo Ludovico Ragghianti di Lucca in collaborazione con la Fondazione Carlo Levi di Roma e con il patrocinio della Regione Toscana, della Provincia di Lucca e del Comune di Lucca.

Viviana Filippini

Viviana Filippini (Orzinuovi –Bs-, 1981) è giornalista pubblicista e collabora dal 2007 con il quotidiano «Giornale di Brescia» come corrispondente esterno. Si è laureata in Dams (Cinema e audiovisivi) alla Facoltà di Lettere e Filosofia all’Università Cattolica di Brescia con una tesi sul Bildungsroman (Romanzo di formazione), scrive di libri su blog letterari e culturali (Liberi di scrivere, Sul romanzo). Dal 2015 ha un blog dedicato all’arte (Art in Pills) sul portale www.Cultora.it. Tiene corsi di Scrittura creativa, di Riscoperta dei Classici della letteratura e di Storia del Cinema. Ha fatto la speaker radiofonica. Ha curato le antologie di Racconti bresciani(Vol I, II, III, IV, V) per Historica edizioni, 2015 Cesena, e scritto Brescia segreta. Luoghi, storie e personaggi della città, Historica, 2015 Cesena e la storia per ragazzi Furio e la Beata Paola Gambara Costa, illustrata da Barbara Mancini, ebm edizioni, Manerbio 2015. A passo sospeso. The Floating Piers Christo & Jeanne Claude, Temperino Rosso, Brescia 2016. Onte il Camaleonte, ed. Arpeggio libero, 2017. Illustrazioni di Daisy Romero.

Cultora © 2022, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy