• 21/06 @ 14:54, @SopravviviMi @MediasetTgcom24 @laurabusn Grazie mille!
  • 21/06 @ 14:54, RT @SopravviviMi: I consigli del libraio di Giugno! Su Letti a Letto @MediasetTgcom24 @laurabusn della Libreria Cultora di #Milano @culto…
  • 09/03 @ 15:51, La direzione di #HistoricaEdizioni saluta dal proprio stand un tempo nuovo, un #tempodilibri e di #cultura. In fot… https://t.co/JzpN8XKnCN
  • 09/03 @ 14:02, Oggi c’è aria di #ribellione a #tempodilibri. https://t.co/XZYA5tEy1E #Copertina a cura di Giulia Capitani… https://t.co/4f2XDrOzQp
  • 09/03 @ 11:57, Perché esiste #gendergap nel mondo della scrittura? A #tempodilibri, l’incontro “Leggere è femminile, scrivere è m… https://t.co/vWprmOGtSI
  • 08/03 @ 18:09, #8marzo, #tempodilibri ma anche tempo di #donne. Marta Meli, giornalista SkyTg24, apre il confronto su donne e scie… https://t.co/9QWlTubM97

“Walled Off”: Banksy apre un hotel in Palestina di fronte al confine con Israele

Redazione di Redazione, in Arte, del

L’ultimo atto provocatorio del geniale street-artist, la cui identità rimane ancora ignota, si chiama “The Walled Off Hotel”, letteralmente l’“albergo fuori dal muro”.

Di cosa si tratta? Di una vera e propria struttura alberghiera che, a differenza degli standard del settore, non avrà il massimo del comfort e una vista mozzafiato. L’albergo infatti è sorto in Cisgiordania, e precisamente nella cittadina di Betlemme, proprio davanti al muro di protezione eretto dagli israeliani per separare il confine tra Israele e Palestina (altrimenti nota come West Bank). L’intento della struttura, che verrà inaugurata il prossimo 11 marzo, è offrire la “peggior vista del mondo”, e questo nonostante sia corredata dell’opera del celeberrimo artista di strada Banksy.

L’idea di inaugurare questa struttura proprio nel 2017, si legge sul sito ufficiale di Banksy, arriva dalla volontà di ricordare il centenario dell’anno in cui «gli inglesi presero il controllo della Palestina e aiutarono a dare il via a un secolo di confusione e di conflitti».

Non è la prima volta che Banksy opera in questi territori martoriati da estreme scelte politiche e i suoi murales sono presenti già da molti anni sulla barriera e a Gaza, più volte teatro di scontri violenti. Chi di voi non ricorda l’immagine di una ragazza che si libra nell’aria sostenuta da palloncini, che guarda proprio sul nascente hotel (anche se risale a oltre una decina d’anni fa), oppure i quattro murales, tra i quali uno su una porta di metallo, raffigurante la dea greca Niobe rannicchiata sulle macerie di una casa distrutta?

Questo e molto altro si potrà osservare visitando il nuovo Banksy-hotel di Betlemme, il cui proprietario, il 42enne Wisam Salsaa, si dice soddisfatto di un progetto che non è solo semplice provocazione, ma un vero e proprio esercizio destinato a diventare operativo. Le camere sono nove e tra le principali caratteristiche dell’esercizio sono una suite presidenziale e un museo dedicato alle opere a tema politico dell’artista. Ma il vero clou è la camera 3 (La stanza di Banksy), dove gli ospiti avranno l’opportunità di dormire in un letto king size al di sotto di un’opera che mostra un palestinese e un israeliano impegnati in una battaglia di cuscini.

Redazione

Redazione

Cultora è un magazine online dedicato al mondo della cultura in generale. Uno spazio nuovo e dinamico all'interno del quale è possibile trovare notizie sempre aggiornate su libri e letteratura, musica, cinema, media e nuove tecnologie. Sono inoltre parte integrante del portale numerosi spazi dedicati a blog curati da giornalisti, addetti ai lavori, opinion leader che offrono le loro personali opinioni e esaustivi approfondimenti riguardo i temi più caldi del mondo della cultura.

Cultora © 2021, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy