• 21/06 @ 14:54, @SopravviviMi @MediasetTgcom24 @laurabusn Grazie mille!
  • 21/06 @ 14:54, RT @SopravviviMi: I consigli del libraio di Giugno! Su Letti a Letto @MediasetTgcom24 @laurabusn della Libreria Cultora di #Milano @culto…
  • 09/03 @ 15:51, La direzione di #HistoricaEdizioni saluta dal proprio stand un tempo nuovo, un #tempodilibri e di #cultura. In fot… https://t.co/JzpN8XKnCN
  • 09/03 @ 14:02, Oggi c’è aria di #ribellione a #tempodilibri. https://t.co/XZYA5tEy1E #Copertina a cura di Giulia Capitani… https://t.co/4f2XDrOzQp
  • 09/03 @ 11:57, Perché esiste #gendergap nel mondo della scrittura? A #tempodilibri, l’incontro “Leggere è femminile, scrivere è m… https://t.co/vWprmOGtSI
  • 08/03 @ 18:09, #8marzo, #tempodilibri ma anche tempo di #donne. Marta Meli, giornalista SkyTg24, apre il confronto su donne e scie… https://t.co/9QWlTubM97

Other Voices: la New Wave arriva dalla Calabria

Grazia Pacileo di Grazia Pacileo, in Musica, del

Gli Other Voices nascono un bel po’ di anni fa, nel 2002 in Calabria, e A Way Back è il loro secondo lavoro.

Prima di dirvi la mia sull’album, fatemi spendere due parole di contorno. È difficile trovare band che si cimentano in questo genere in Italia, o meglio, è difficile trovarle oggi, quindi ascoltare quello che ha le carte per diventare un buon disco, fa sempre piacere.

Il singolo A Night Lasting Year è perfetto! Ottimo per lanciare il disco, funziona. Per chi ama la New Wave, potrebbe diventare quel tipo di pezzo che non riesci a toglierti dalla testa (io ce l’ho in testa da almeno quattro giorni).

Sono subito riconoscibili le influenze musicali: in Without Any Sounds si sentono molto i Joy Division.

Ma non ci sono solo Ian Curtis & co. Sia nel singolo, sia in altri pezzi come I Walk On The Wire, Hate Me Again, è evidente il richiamo a gruppi più recenti come gli Editors e gli Interpol.

Ancora in A Way Back (canzone da cui prende il nome l’album), la musica e il modo di cantare ricordano molto Robert Smith. Con questo non si vuole certo dire che il disco sia una prova di emulazione. È ovvio avere a che fare con band come i The Cure o i Joy Division quando si suona un certo tipo di musica.

Registrato in Inghilterra, precisamente nei Parr Streat Studios di Liverpool, A Way Back è un album che regge benissimo la prova. Gli Other Voices non sono certo i primi arrivati: si sente subito che dietro ai brani ci sono musicisti con molta esperienza, come dimostra anche la loro biografia e il numero di eventi ai quali hanno preso parte durante gli anni. Ci sono alcuni pezzi funzionano più di altri, ma complessivamente è un disco che merita risonanza.

L’unica nota dolente, o meglio una mia considerazione che non ha nulla a che vedere con il disco in sé, è che sarebbe bello sentire di nuovo un po’ di New Wave in italiano. Chissà che non accada.

TRACKLIST:
1. I Walk On the Wire
2. A Night Las
3. Garlic
4. Journey
5. PoorRoad
6. Without Any Sound
7. Hate Me Again
8. I Seek A Way
9. The Only Real Convic
10. A Way Back
11. Gunsinger (Bonus Track)

 

Grazia Pacileo

Grazia Pacileo

Nata alla fine degli anni '80 a Catanzaro, vive ora a Pisa dove studia Lettere moderne. Ha collaborato a una web radio, conducendo un programma e scrivendo recensioni musicali. Appassionata di libri e di film in bianco e nero, ma soprattutto divoratrice di musica in cuffia e dal vivo.

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy