• 21/06 @ 14:54, @SopravviviMi @MediasetTgcom24 @laurabusn Grazie mille!
  • 21/06 @ 14:54, RT @SopravviviMi: I consigli del libraio di Giugno! Su Letti a Letto @MediasetTgcom24 @laurabusn della Libreria Cultora di #Milano @culto…
  • 09/03 @ 15:51, La direzione di #HistoricaEdizioni saluta dal proprio stand un tempo nuovo, un #tempodilibri e di #cultura. In fot… https://t.co/JzpN8XKnCN
  • 09/03 @ 14:02, Oggi c’è aria di #ribellione a #tempodilibri. https://t.co/XZYA5tEy1E #Copertina a cura di Giulia Capitani… https://t.co/4f2XDrOzQp
  • 09/03 @ 11:57, Perché esiste #gendergap nel mondo della scrittura? A #tempodilibri, l’incontro “Leggere è femminile, scrivere è m… https://t.co/vWprmOGtSI
  • 08/03 @ 18:09, #8marzo, #tempodilibri ma anche tempo di #donne. Marta Meli, giornalista SkyTg24, apre il confronto su donne e scie… https://t.co/9QWlTubM97

Uffizi, il Comune di Firenze multa il direttore per messaggio antibagarini

Redazione di Redazione, in Arte, del

Si chiama Eike Schmidt, lo storico dell’arte tedesco che da otto mesi guida la Galleria degli Uffizi di Firenze, e non avrebbe mai immaginato di dover pagare una multa ai vigili urbani di Firenze per violazione del codice della strada. Il motivo? Violazione dell’ex articolo 23 del codice, ovvero «collocazione abusiva di mezzi pubblicitari lungo la strada». Ma cosa avrà pubblicizzato il direttore degli Uffizi?

Un messaggio vocale, registrato con la sua stessa voce in italiano e in inglese, e diffuso dagli altoparlanti all’uscita del museo, nel quale non si pubblicizzavano prodotti, ma si mettevano in guardia i visitatori dai bagarini, presenti ormai non solo nei pressi degli stadi, ma anche davanti ai musei. Un’iniziativa innovativa, e forse anche necessaria, ma che a molti ha fatto storcere il naso, poiché non dava della città un’immagine adeguata. In più i messaggi erano stati decisi senza chiedere i permessi. «Non credo che per dare informazioni ai visitatori del museo ci sia bisogno di permessi», si era giustificato Eike Schmidt. E aveva aggiunto, normative alla mano, che «gli spazi dei loggiati sono afferenti al Demanio, e non di competenza comunale come invece il piazzale antistante gli Uffizi».

La legge italiana, mai inflessibile come in questo caso, ha colpito con la multa, recapitata di mattina. «Anche da noi ci sono regole, come in Germania, e vanno rispettate», ha commentato ieri il sindaco Dario Nardella tra una riunione e un summit a seguito del crollo sui Lungarni (in un tratto a pochi passi da Ponte Vecchio) che ha ferito il capoluogo toscano pochi giorni fa.

«Invece di investire tempo ed energie per capire se abbiamo commesso un errore amministrativo nell’intraprendere la nostra iniziativa contro il bagarinaggio, quel che conta un’altra cosa: bisogna stare uniti nel combattere gli illeciti e nel difendere il nostro patrimonio culturale», ha dichiarato il direttore, che pagherà oggi il verbale di 295 euro.

Siamo nuovamente dinanzi al paradosso italico, in cui il merito e i risultati ottenuti (il numero dei visitatori degli Uffizi è aumentato del 2% nell’ultimo anno) sono trascurabili, ma ci si concentra nel contrastare un’iniziativa positiva che tutela il patrimonio e gli interessi del museo e degli stessi visitatori.

Redazione

Redazione

Cultora è un magazine online dedicato al mondo della cultura in generale. Uno spazio nuovo e dinamico all'interno del quale è possibile trovare notizie sempre aggiornate su libri e letteratura, musica, cinema, media e nuove tecnologie. Sono inoltre parte integrante del portale numerosi spazi dedicati a blog curati da giornalisti, addetti ai lavori, opinion leader che offrono le loro personali opinioni e esaustivi approfondimenti riguardo i temi più caldi del mondo della cultura.

Cultora © 2020, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy