• 26/06 @ 10:00, #Art in Pills: L’#estate secondo Jean- Frédéric Bazille https://t.co/Vut81J03Eu #arte #artlovers #painting https://t.co/DLnnhsh0UO
  • 26/06 @ 09:00, RT @cultorait: #ConcorsiLetterari: quarta edizione del concorso gratuito “#Racconti bresciani” https://t.co/9830xGkkvt #scrittori #Brescia…
  • 26/06 @ 08:00, RT @cultorait: La #letteratura entra nei #musei: con #LuoghiViventi la visita diventa storia d’autore https://t.co/w47WTOkiKo #arte #cultu…
  • 24/06 @ 15:01, RT @DanteCarloni: La letteratura entra nei musei: con Luoghi Viventi la visita diventa ... - Cultora (Blog) https://t.co/b6zWTNGVu9
  • 24/06 @ 13:44, RT @ChristianTamma: La letteratura entra nei musei: con Luoghi Viventi la visita diventa ... - Cultora (Blog) https://t.co/Ysbnyq4kww
  • 24/06 @ 10:45, RT @cultorait: Ecco chi è #Bansky: il #djGoldie potrebbe averne rivelato per errore la vera identità https://t.co/EWqK28LPbg #artecontempo…

Un chilometro di libri a Palermo: al via la seconda edizione de “La Via dei Librai”

Alessandra D'Ippolito di Alessandra D'Ippolito, in Libri, del

Una passeggiata culturale tra un chilometro di libri: è questa “La Via dei Librai”. Una manifestazione giunta alla seconda edizione che, in occasione della Giornata Mondiale del Libro, farà di Palermo una libreria en plein air. Dopo il successo avuto lo scorso anno, infatti, la fiera raddoppia i giorni di festa: sabato 22 e domenica 23, come spiegano i soci dell’Associazione “Cassaro Alto”, organizzatori dell’evento, «Via Vittorio Emanuele, che da sempre rappresenta il cuore di Palermo, torna a pulsare come un tempo grazie all’impegno di librai, editori, scuole, Università, biblioteche e associazioni».

Dai Quattro Canti fino al Piano della Cattedrale, 63 stand allestiti da pubblici e privati, tra cui il Comune di Monreale, i bar della zona, i negozianti e le case editrici locali, coinvolgeranno il pubblico in attività culturali, visite guidate, workshop, letture e concerti.

Per due giorni indiscussa padrona sarà la cultura. E sarà proprio la strada più antica di Palermo, il Cassaro, u cassaru (in siciliano), a farne da culla. «Quello de “La Via dei Librai” è un percorso che caratterizza il Cassaro», afferma il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. Quest’iniziativa infatti vuole rievocare l’amore del capoluogo della Sicilia per la cultura e la sua passione per i libri. «Il libro, quello cartaceo, è un modello di rispetto del tempo. Se c’è un’espressione culturale che rispetta il tempo è il libro cartaceo. Il libro è il Cassaro, il Cassaro è il libro» conclude così il sindaco.

Grazie all’Unesco, Palermo ha ritrovato autostima e si è riscoperta. Palermo è da vivere, da leggere e da cantare; Palermo è storia e cultura, ma soprattutto Palermo è bellezza. E proprio quest’anno la beddra Palemmu ha saputo narrare la sua bellezza e la ricchezza dei suoi territori. Non a caso è stata nominata Capitale Italiana della Cultura 2018. E allora quale miglior momento per aprire le porte della città agli amanti della lettura?

Due giorni ricchi di appuntamenti che renderanno i visitatori partecipi. Nel corso delle giornate infatti sono previsti concerti e letture all’aria aperta di classici della letteratura. Per l’occasione anche la Biblioteca centrale della Regione siciliana “Alberto Bombace” aprirà le porte per offrire la possibilità di ammirare lo straordinario patrimonio di circa un milione di libri; inoltre ospiterà due mostre, una sui testi scolastici “di ieri e l’altro ieri” e una sulla produzione libraia della Regia Università, e si terrà un workshop sull’evoluzione del libro, dai manoscritti agli ebook. È vero, la lettura è cambiate nel tempo, ma è sempre un piacere che bisogna salvaguardare;«il futuro del nostro Paese dipende anche dalla capacità di valorizzare i nostri luoghi della cultura» dice l’assessore regionale ai Beni culturali e all’Identità siciliana, Carlo Vermiglio.

Un elogio del libro e della letteratura che prevede un fitto programma, così “La Via dei Librai” si nutrirà di cultura: dalla presentazione di libri, ai reading, alle esibizioni sul piano della Cattedrale; dall’esposizione di progetti come “Botteghe storiche lungo il percorso Arabo-Normanno” della Fondazione Salvare Palermo e Fondazione Unesco Sicilia, alle visite guidate nelle Chiese e nell’Archivio storico della città.

Alessandra D'Ippolito

Alessandra D'Ippolito

Alessandra D'Ippolito nasce in Sicilia nel 1996. Da tre anni vive e studia a Roma. È studentessa al terzo anno di Scienze della comunicazione, con indirizzo in "Giornalismo, relazioni pubbliche e uffici stampa" presso l'Università LUMSA.

Cultora © 2017, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy