• 29/04 @ 16:24, RT @SanremoAncheNoi: . @cultorait: RT @cultorait: 80 anni di #Cinecittà: il sogno del #cinema italiano che sembra non invecchiare mai… http…
  • 29/04 @ 13:01, Lo studio grafico che rivoluzionò le copertine degli album di #musica #rock [FOTO] https://t.co/Vv7oIjtFjG https://t.co/k9fbagRuJB
  • 29/04 @ 10:00, Vladimir Dimitrijevic, il #calcio come esperienza di vita https://t.co/fnY1xp1RF1 #libri #letteratura… https://t.co/BTvqCq93iI
  • 29/04 @ 09:02, RT @cultorait: 80 anni di #Cinecittà: il sogno del #cinema italiano che sembra non invecchiare mai https://t.co/MQNkqJ1Wh7 https://t.co/Exc
  • 29/04 @ 08:01, RT @cultorait: Sulle leggi elettorali e sui dilettanti della #politica: due #libri per superare il #populismo https://t.co/ZBbMWAjuvg #Leg…
  • 28/04 @ 17:00, RT @LaWaleRRR: La lezione di Tempo di libri: senza l'editoria indipendente muore la cultura italiana - Cultora https://t.co/RF6MJ3zQ7A

Il testamento biologico non è eutanasia: dalle parole alla paura delle leggi

MariaGiovanna Luini di MariaGiovanna Luini, in Blog, Media, New media, del

 

Per quanto incredibile possa apparire, ogni volta che una legge cerca di risolvere grandi questioni di diritti inviolabili scatta una controffensiva che, prima o poi, smette di dibattere sul tema reale e prende di mira le parole. Sappiamo come funziona: giocare con le parole è ingannare, mistificare, oscurare il senso vero di ciò che si sta facendo.

Accade oggi con la legge sul testamento biologico: è una legge che consentirà di scegliere liberamente il tipo di assistenza in caso malaugurato di perdita della coscienza e incapacità di esprimersi cooperando con i medici e i familiari. Il testamento biologico è un documento chiaro, sintetico e semplice che sancisce il diritto di decidere se farsi assistere a oltranza quando le speranze di guarigione e ripresa sono minime o lasciare che a un certo punto siano interrotti i supporti vitali per permettere alla morte di arrivare e porre fine a un’esistenza non più desiderabile. Nel testamento biologico ognuno di noi può fare due cose:

  • dire sì o no all’assistenza, al supporto medico (nutrizione, idratazione, ventilazione, alcune altre cure) a oltranza
  • delegare una persona di fiducia che, custodendo copia del testamento stesso, avrà titolo a parlare e prendere decisioni nel caso di nostra perdita di conoscenza e della capacità di comunicare

Il testamento biologico rispetta comunque, di solito, le regole del Paese che lo approva in materia di fine vita: in nessun punto riguarda l’eutanasia attiva.

Testamento biologico ed eutanasia sono argomenti delicati, cruciali, importantissimi che dovrebbero essere trattati separatamente. Che lo Stato ci riconosca il diritto di gestire il nostro corpo nel momento dell’estrema difficoltà della malattia senza più coscienza è doveroso, e questo farà la legge sul testamento biologico: siamo noi a decidere cosa vogliamo che si faccia o non si faccia quando più nulla può riportarci in una vita vera. Che il testamento biologico sia eutanasia non solo non è vero e non riguarda la legge in discussione, ma affermarlo equivale a boicottare un processo di approvazione di una legge che è segno di evoluzione e profonda civiltà.

Vogliamo smettere di permettere a chi gioca con le paure e le parole di prenderci in giro?

MariaGiovanna Luini

MariaGiovanna Luini

MariaGiovanna Luini (pseudonimo di Giovanna Gatti) è scrittrice di narrativa e saggistica, consulente di sceneggiatura e comunicatore scientifico; laureata in Medicina e specialista in Chirurgia Generale e Radioterapia con un Master in Senologia. Scrive romanzi ("Il male dentro", Cairo publishing 2013, il più recente) e saggi divulgativi (molti dei quali insieme Umberto Veronesi), ha lavorato alla sceneggiatura di serie televisive e film ("Allacciate le cinture" di Ferzan Ozpetek - 2014). Ha un blog personale molto seguito sul sito www.mariagiovannaluini.it e rubriche fisse su testate divulgative nazionali cartacee e online e portali di cultura. Crede che l'unica medicina degna di questo nome si prenda cura della persona e non della malattia: se si parte da lì tutto è possibile.

Cultora © 2017, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy