• 21/06 @ 14:54, @SopravviviMi @MediasetTgcom24 @laurabusn Grazie mille!
  • 21/06 @ 14:54, RT @SopravviviMi: I consigli del libraio di Giugno! Su Letti a Letto @MediasetTgcom24 @laurabusn della Libreria Cultora di #Milano @culto…
  • 09/03 @ 15:51, La direzione di #HistoricaEdizioni saluta dal proprio stand un tempo nuovo, un #tempodilibri e di #cultura. In fot… https://t.co/JzpN8XKnCN
  • 09/03 @ 14:02, Oggi c’è aria di #ribellione a #tempodilibri. https://t.co/XZYA5tEy1E #Copertina a cura di Giulia Capitani… https://t.co/4f2XDrOzQp
  • 09/03 @ 11:57, Perché esiste #gendergap nel mondo della scrittura? A #tempodilibri, l’incontro “Leggere è femminile, scrivere è m… https://t.co/vWprmOGtSI
  • 08/03 @ 18:09, #8marzo, #tempodilibri ma anche tempo di #donne. Marta Meli, giornalista SkyTg24, apre il confronto su donne e scie… https://t.co/9QWlTubM97

“Sottile spessore”, dal dramma dell’anoressia uno spaccato sulle patologie della mente

Redazione di Redazione, in Letteratura, del

Finire in ospedale a poco più di 13 anni, per il peso che continua a scendere vertiginosamente. Trovare il coraggio di affrontare l’anoressia e poi di raccontare quello che è successo in un libro, scegliendo dei versi che parlano delle patologie della mente e non solo. Lo fa Gaia Del Giaccio (Anzio, 2005) in un testo edito da “Sensoinverso” disponibile nelle librerie e on line.

Gaia ha deciso di raccontare in quelle pagine la difficile esperienza del ricovero nel reparto di neuropsichiatria infantile al Policlinico Umberto I di Roma, avvenuto per anoressia nervosa. Ciascuna poesia/pensiero è riferito alle patologie che ha incontrato tra chi ha condiviso con lei quel periodo in via dei Sabelli, oltre che a questioni legate ad amore, solitudine, vita, guerra e razzismo. Tornata a scuola e scoperti Futurismo ed Ermetismo, ha scelto di seguire quelle orme nei suoi componimenti. Testi che possono, ai più, apparire sgrammaticati ma in realtà raccolgono profondi sentimenti e i segni di un evento che – nel bene e nel male – ha segnato la sua vita.

Anoressia e non solo. Gaia racconta perché ha scritto “Sottile spessore” – L’intervista

Perché hai deciso di scrivere questo libro?

Mi è sempre piaciuto scrivere e volevo condividere la mia esperienza nel reparto di neuropsichiatria infantile, dove sono stata assistita per una forma di anoressia nervosa

Hai scelto la poesia per raccontare la storia del tuo ricovero, perché?

Penso che anche attraverso dei versi ermetici si possa esprimere – sia pure in poche parole – il dolore, la solitudine, quello che ho passato in generale, una poesia segna più il cuore, secondo me

Che intendi per versi ermetici?

Io scrivo poesie libere, neanche a scuola mi è mai piaciuta l’analisi della poesia, scrivere con punteggiature o seguire un preciso schema metrico o le rime. Per questo scrivo in totale libertà rifacendomi a futurismo ed ermetismo che ho appreso tornando a scuola dopo il ricovero

Le poesie parlano di anoressia?

No, non tutte. Nel testo ci sono componimenti riguardo a come mi sentivo, per esempio si parla di alcune patologie incontrate nel reparto ma anche di vita quotidiana con temi come ad esempio la guerra, l’amore,

A chi si rivolge questo libro?

A tutti quelli che hanno la possibilità di capire il significato di una poesia e dei versi, della condizione in cui mi trovavo e che ho affrontato.

A chi ha vissuto o sta vivendo i tuoi stessi problemi, cosa dici o cosa dice il libro?

In quella situazione ti senti onnipotente, l’unico obiettivo è quello di stare bene con te stesso, ma alla fine arrivi quasi a ucciderti e in quel caso il giudizio degli altri è importante, anche se in quel momento non ti sembra giusto preoccuparti di quello che dicono i familiari, gli amici e i medici. I nvece devi trovare la forza di ascoltarli e metterci la tua per uscire da una situazione difficile. Io ce l’ho fatta, il messaggio è questo.

Redazione

Redazione

Cultora è un magazine online dedicato al mondo della cultura in generale. Uno spazio nuovo e dinamico all'interno del quale è possibile trovare notizie sempre aggiornate su libri e letteratura, musica, cinema, media e nuove tecnologie. Sono inoltre parte integrante del portale numerosi spazi dedicati a blog curati da giornalisti, addetti ai lavori, opinion leader che offrono le loro personali opinioni e esaustivi approfondimenti riguardo i temi più caldi del mondo della cultura.

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy