• 09/03 @ 15:51, La direzione di #HistoricaEdizioni saluta dal proprio stand un tempo nuovo, un #tempodilibri e di #cultura. In fot… https://t.co/JzpN8XKnCN
  • 09/03 @ 14:02, Oggi c’è aria di #ribellione a #tempodilibri. https://t.co/XZYA5tEy1E #Copertina a cura di Giulia Capitani… https://t.co/4f2XDrOzQp
  • 09/03 @ 11:57, Perché esiste #gendergap nel mondo della scrittura? A #tempodilibri, l’incontro “Leggere è femminile, scrivere è m… https://t.co/vWprmOGtSI
  • 08/03 @ 18:09, #8marzo, #tempodilibri ma anche tempo di #donne. Marta Meli, giornalista SkyTg24, apre il confronto su donne e scie… https://t.co/9QWlTubM97
  • 08/03 @ 18:02, Primo giorno di fiera, a Milano è #tempodilibri. Splendido allestimento e mille eventi da non perdere! #cultura… https://t.co/6JfsugMuy0
  • 31/10 @ 09:27, RT @Dartonit: Iran, il Book Garden di Teheran che ospita i libri censurati dal governo - Cultora (Blog) https://t.co/nOI4f0WUwz #DT #libri

“Rap-Una storia italiana”: il libro di Paola Zukar a Tempo di Libri

di Elisa Longo, in Interviste, del

C’è fermento all’ingresso della Sala Bianca del padiglione 3 a Tempo di Libri. Tutti aspettano lei, Paola Zukar, la Queen del rap. Lei, la manager della Big Picture Management , entra sorridente e mette subito tutti a suo agio. Presenta “Rap-Una storia italiana” edito da Baldini&Castoldi. Il libro, ormai alla quarta ristampa, è atipico per l’Italia, lo dice subito Paola. In Italia non è così usuale vedere manager che scrivono libri. Lei ci ha pensato molto prima di pubblicare, ha letto altri libri editi negli Stati Uniti, voleva approfondire e poi ha messo su carta la sua esperienza decennale in ambito musicale. Subito emerge il carattere di questa donna che si è aperta la strada grazie alla professionalità, al lavoro duro e alla passione, sin da quando lavorava in “Aelle”, un giornale che ricordano tutti gli appassionati di Hip Hop in Italia. Non è stato certo facile creare qualcosa di nuovo in Italia in questo periodo, ma lei ci è riuscita.

Il pubblico in sala partecipa, è pieno di domande a cui lei risponde con cortesia e preparazione. Si parla di Hip Hop, di una cultura non solo musicale, che fotografa un momento di vita e lo porta a chi quella realtà non la conosce. Il mondo del rap è un piccolo mondo che si specchia nella società e apre al confronto: “Il Rap è sempre educativo, anche quando è diseducativo. Il Rap ti dice qualcosa e anche se non sei d’accordo ti costringe a prendere una posizione e questo quindi è educativo”. Paola parla degli artisti, quelli che segue con la Big Picture dal 2005, dall’amicizia storica con Fabri Fibra che le ha dato fiducia all’inizio della sua carriera da manager. Fino a Marracash che legge John Fante e di Clementino. Gli artisti che segue Zukar sono quelli con cui condivide la stessa visione artistica. Un ragazzo le chiede come si diventa manager e lei prontamente risponde :”Facendolo, l’importante è fare”. Il manager non è una sanguisuga, ma è quello che permette all’artista di fare l’artista senza doversi preoccupare della burocrazia o dei contratti. Poi sottolinea l’importanza di creare un team coeso. Come si propone un artista che vorrebbe essere rappresentato dalla Big Picture? Si fa ancora scouting? Le chiedono: “I ragazzi se lo fanno da soli”, risponde Paola.

Instagram e Youtube sono piattaforme social dove un artista può crearsi un suo spazio e quando vede che ha un certo numero di pubblico che lo segue, allora può provare a proporsi. Insomma chi vale emerge e si fa notare. “Rap-Una storia italiana” è un libro che si legge tutto d’un fiato, dentro ci sono le parole di chi ci ha messo passione, tenacia e vuole raccontare dieci anni del suo lavoro, il suo punto di vista nel mercato musicale italiano. Fabri Fibra la descrive così: “Visionaria e tenace, sempre concentrata sulla prossima mossa, una delle figure che ha creduto nel rap italiano e nel suo valore aiutando questo genere ad avere una degna esposizione. Dalla rivista “Aelle” alla Big Picture Management, Paola Zukar continua a portare il rap italiano dove prima non aveva accesso. Inoltre, è una delle persone più oneste che io abbia mai incontrato in questo ambiente e nella vita”. A Tempo di Libri una presentazione partecipata e con un pubblico preparato.

Alla giornata di oggi dedichiamo la nostra copertina, “Ribellione”, firmata dalla grafica di Giulia Capitani per Cultora.

Elisa Longo

Elisa Longo


Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy