• 21/06 @ 14:54, @SopravviviMi @MediasetTgcom24 @laurabusn Grazie mille!
  • 21/06 @ 14:54, RT @SopravviviMi: I consigli del libraio di Giugno! Su Letti a Letto @MediasetTgcom24 @laurabusn della Libreria Cultora di #Milano @culto…
  • 09/03 @ 15:51, La direzione di #HistoricaEdizioni saluta dal proprio stand un tempo nuovo, un #tempodilibri e di #cultura. In fot… https://t.co/JzpN8XKnCN
  • 09/03 @ 14:02, Oggi c’è aria di #ribellione a #tempodilibri. https://t.co/XZYA5tEy1E #Copertina a cura di Giulia Capitani… https://t.co/4f2XDrOzQp
  • 09/03 @ 11:57, Perché esiste #gendergap nel mondo della scrittura? A #tempodilibri, l’incontro “Leggere è femminile, scrivere è m… https://t.co/vWprmOGtSI
  • 08/03 @ 18:09, #8marzo, #tempodilibri ma anche tempo di #donne. Marta Meli, giornalista SkyTg24, apre il confronto su donne e scie… https://t.co/9QWlTubM97

Più biblioteche che comuni: verità o pura utopia? Ispirarsi al Veneto

di Redazione Milano, in Arte, del

Veneto

Negli ultimi decenni i dati di affluenza a biblioteche e musei non sono stati molto confortanti. È solo negli ultimi due anni che le cose sembrano essersi un poco risollevate. In tutta Italia spicca il nord e tra le regioni più virtuose c’è il Veneto.

In Veneto ci sono più biblioteche che comuni. Oltretutto quasi un comune su tre ospita un museo o un archivio storico.

Sono da poco usciti i dati di dicembre dell’Ufficio Statistica della Regione Veneto, che attestano la diffusione dell’offerta culturale sul territorio.

Con i suoi 315 musei, il Veneto è al settimo posto nella classifica nazionale, ma se andiamo a controllare i dati di affluenza, si scopre che, con un numero di quasi nove milioni, è al quinto posto per quanto riguarda il numero di visitatori. Solo Lazio, Toscana, Campania e Lombardia hanno fatto meglio. I siti maggiormente visitati sono a Venezia, con il Palazzo Ducale e il museo di San Marco in testa, a Verona, grazie all’Arena e alla casa di Giulietta e a Padova, visitata per i musei civici con la cappella di Giotto e il palazzo della Ragione. Seguono Vicenza con il suo teatro Olimpico e vari siti nel Trevigiano, in Marmolada, nel Bellunese e Rovigo.

Ma l’offerta è molto ampia.

Se da una parte l’arte antica la fa da padrone con il suo 46% di interesse da parte del pubblico, altri settori si sono ritagliati una fetta di spazio. Complessi monumentali e aree archeologiche stanno al 23%, i musei di scienze e specializzati il 24% e l’arte contemporanea il 7%.

Ma c’è una grande differenza rispetto alle altre regioni.

In Veneto i musei più visitati sono quelli non statali.

I 136 musei gestiti dai vari comuni sono stati visitati da più della metà del numero di visitatori totale della regione. Il merito di questo successo è dovuto anche alla forte presenza sul web di tali musei, che hanno quasi tutti un sito dedicato.

Chiudiamo con la notizia di apertura. Il vero punto di forza dell’offerta culturale veneta sono le 588 biblioteche di pubblica lettura. Quasi tutti i 576 comuni del Veneto hanno un centro di lettura, e danno lavoro a 1100 persone con un impiego full time. Ognuna di queste biblioteche ha avuto in media 20 mila visite nello scorso anno, un dato confortante per la nostra amata cultura.

 

Redazione Milano


Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy