• 21/06 @ 14:54, @SopravviviMi @MediasetTgcom24 @laurabusn Grazie mille!
  • 21/06 @ 14:54, RT @SopravviviMi: I consigli del libraio di Giugno! Su Letti a Letto @MediasetTgcom24 @laurabusn della Libreria Cultora di #Milano @culto…
  • 09/03 @ 15:51, La direzione di #HistoricaEdizioni saluta dal proprio stand un tempo nuovo, un #tempodilibri e di #cultura. In fot… https://t.co/JzpN8XKnCN
  • 09/03 @ 14:02, Oggi c’è aria di #ribellione a #tempodilibri. https://t.co/XZYA5tEy1E #Copertina a cura di Giulia Capitani… https://t.co/4f2XDrOzQp
  • 09/03 @ 11:57, Perché esiste #gendergap nel mondo della scrittura? A #tempodilibri, l’incontro “Leggere è femminile, scrivere è m… https://t.co/vWprmOGtSI
  • 08/03 @ 18:09, #8marzo, #tempodilibri ma anche tempo di #donne. Marta Meli, giornalista SkyTg24, apre il confronto su donne e scie… https://t.co/9QWlTubM97

Nasce ULTIMA PAGINA

Beatrice Tiberi di Beatrice Tiberi, in Blog, del

Nasce ULTIMA PAGINA. (www.ultimapagina.net)

Esordio previsto il 21 marzo. Una primavera letteraria?

Proviamo a capire di più di questo nuovo progetto di community dedicata ai libri dalle parole dell’ideatrice e fondatrice: Linda Rando

  • Ultima pagina. Un titolo strano. Qual è il senso?

Volevamo un nome che fosse, prima di tutto, in italiano. Dopodiché cercavamo qualcosa che fosse significativo sia per chi scrive sia per chi legge. E l’ultima pagina è croce e delizia di scrittori e lettori tutti: per entrambi c’è la voglia di correre, correre, correre e arrivare al finale e, al tempo stesso, nel momento in cui ci si arriva, si prova quel senso di pienezza malinconica di chi ha portato a compimento un lungo viaggio. Questo è il senso del titolo.

  • Fioriscono in rete iniziative, decaloghi, corsi, tutorial. C’era bisogno di un ulteriore incoraggiamento per la pletora di aspiranti fenomeni editoriali?

 Oh, direi di no. Non ho mai incoraggiato gli aspiranti fenomeni editoriali, anzi. Ultima Pagina sarà uno spazio di crescita e confronto, di maturazione e di informazione. E, soprattutto, non è dedicato semplicemente agli autori: l’epicentro è il libro, e tantissimo del nostro sito sarà dedicato ai “semplici” lettori. 

  • Lei ha da spendere in Rete una fama conquistata negli anni grazie a Writer’s Dream. Ora che quell’esperienza è conclusa, cosa pensa di poter offrire?

Tutto quello che ho imparato in questi quasi otto anni, tutto il bagaglio delle mie esperienze, quelle positive – con la conoscenza del mondo editoriale, dei suoi attori, di chi vi partecipa – e quelle negative. Gli errori ci sono stati, sono stati molti e sono stati utili per imparare e riflettere su cosa servirà per Ultima Pagina.

E penso di poter offrire il mio immenso amore per le community. Sono innamorata delle comunità, e penso che i forum siano l’espressione massima di esperienza comunitaria. Sono fermamente convinta che un punto di riferimento costituito da persone competenti, con anni di esperienza nel settore, che amano creare, innovare e cercare di migliorare il più possibile il panorama che li circonda sia fondamentale, in questo momento.

  • Chi è l’utente di riferimento per Ultima Pagina?

Molto banalmente, chiunque ami i libri, le storie, la lettura.

  • Linda Rando ci mette la faccia, ma c’è una squadra dietro. Ce ne vuole parlare?

Anche il resto della squadra ci metterà la faccia. Siamo una dozzina, e sono tutte persone di grande competenza ed esperienza nel mondo editoriale.

  • Esordio previsto per il 21 marzo. Può darci qualche anticipazione sul menù?

Dico solo che ci sarà una vasta gamma di servizi, iniziative e spazi per tutti i gusti e tutti i tipi di utenza: lettori, autori, editori, professionisti freelance, illustratori e via dicendo.

  • Se dovesse incoraggiare un aspirante scrittore, cosa direbbe?

Incoraggiarlo? Credo che di norma gli aspiranti scrittori vadano ridimensionati. Spesso, troppo spesso, sono convinti che potranno vivere di scrittura, che avranno un successo travolgente: è bene che sappiano che in Italia vivere di scrittura è molto difficile, se non impossibile; che l’editoria è un settore fortemente in crisi, che le case editrici stanno affrontando un periodo difficile che dura da anni e che il successo travolgente è mera utopia. A un aspirante scrittore direi anche di essere umile e paziente. Di non scoraggiarsi ai primi rifiuti, ma anche di accettare critiche e consigli sul suo testo, perché la perfezione non è di questo mondo. E dato che negli anni sono diventata piuttosto cinica, gli direi anche che non c’è posto per tutti. Se non trova il suo spazio può significare semplicemente che non ce n’è più. O, almeno, non ce n’è per lui.

  • Se dovesse incoraggiare un lettore titubante, come si regolerebbe?

Prima di tutto vorrei capire perché è titubante. Cosa lo fa titubare? Il motivo è fondamentale. Ognuno ha motivi diversi: se ci sono due persone che reputano la lettura una perdita di tempo quasi sempre lo pensano per ragioni diverse l’uno dall’altro. Dunque, caro lettore, dimmi perché sei titubante e io proverò a farti smettere di titubare.

  • Scrivere in Italia ha ancora un senso?

Lo chiede a una persona che non scrive, ma sì, sono convinta che scrivere abbia sempre un senso, in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento. Non importa qual è il motivo per cui si sta scrivendo o per quale pubblico: anche il peggior scribacchino di questa Terra ha le sue buone ragioni per scrivere. Anche un diario segreto ha senso. Ci sono teorie per le quali la scrittura sarebbe terapeutica sia per la mente – e questo è assodato – che per il fisico. Dunque sì: scrivere avrà sempre senso.

  • E leggere?

Leggere ha senso più che mai in un momento in cui l’analfabetismo funzionale è ai massimi livelli. Leggere dà gli strumenti per capire il mondo che ci circonda e al tempo stesso di evadere da quello stesso mondo. Per me in prima persona la lettura è ed è stata una salvezza in momenti estremamente difficili della mia vita. E so che per molte altre persone è stata la stessa identica cosa.

Beatrice Tiberi

Beatrice Tiberi

Beatrice Tiberi

Ho scritto di vip, di spettacolo, di cronaca. Adesso intervisto scrittori e scrivo di libri

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy