• 21/06 @ 14:54, @SopravviviMi @MediasetTgcom24 @laurabusn Grazie mille!
  • 21/06 @ 14:54, RT @SopravviviMi: I consigli del libraio di Giugno! Su Letti a Letto @MediasetTgcom24 @laurabusn della Libreria Cultora di #Milano @culto…
  • 09/03 @ 15:51, La direzione di #HistoricaEdizioni saluta dal proprio stand un tempo nuovo, un #tempodilibri e di #cultura. In fot… https://t.co/JzpN8XKnCN
  • 09/03 @ 14:02, Oggi c’è aria di #ribellione a #tempodilibri. https://t.co/XZYA5tEy1E #Copertina a cura di Giulia Capitani… https://t.co/4f2XDrOzQp
  • 09/03 @ 11:57, Perché esiste #gendergap nel mondo della scrittura? A #tempodilibri, l’incontro “Leggere è femminile, scrivere è m… https://t.co/vWprmOGtSI
  • 08/03 @ 18:09, #8marzo, #tempodilibri ma anche tempo di #donne. Marta Meli, giornalista SkyTg24, apre il confronto su donne e scie… https://t.co/9QWlTubM97

Il mondo del cinema salvato da internet e dalla TV

Sergio Mario Ottaiano di Sergio Mario Ottaiano, in Cinema, del

cinema

Il cinema e il mondo dello spettacolo sta cambiando pelle, sta mutando, e forse non c’è più spazio per i vecchi metodi di produzione e per i film d’autore, o di nicchia, finanziati da ricchi produttori o uomini illuminati. La qualità e la particolarità di alcuni film di vecchia data, non è più la principale richiesta del pubblico. Inevitabilmente il cinema sta cambiando il proprio linguaggio cercando di adeguarsi ai gusti di un pubblico sempre più influenzato e attratto dalle serie tv. Oggi il cinema è protagonista di un’autentica rivoluzione che lo porta ad intersecarsi con le piattaforme tv e con la rete puntando, sempre di più, sulle grandi potenzialità offerte da internet.

Riccardo Tozzi, produttore e presidente dell’Anica afferma: “Il cinema, se vuole sopravvivere, deve ritrovare una sua forza specifica: la gente ormai è disposta a uscire solo per vedere film dotati di una forte identità”.

Si prospetta quindi un futuro nero per il cinema che esula dal dominio delle major e che non riesce a tenere il passo con tali numeri da botteghino. Infatti, il film più visto del 2015 è Jurassic World, che ha incassato più di un miliardo e mezzo, seguito da Fast & Furious 7, e da Avengers Age of Ultron. Sono tutti film prodotti e distribuiti dalle major così come anche gli altri film campioni d’incassi entrati nella top ten globale: Inside Out, Cinderella, Hunger Games – Il canto della rivolta parte 2; ma soprattutto sono tutti film che seguono uno stesso filone di sicura presa sul pubblico. Il cinema è dunque destinato a mantenere un’unica direzione?

A dare una risposta, forte e decisa, alle case di produzione storiche ci hanno pensato i magnanti della rete e del mondo televisivo. Basti pensare che Alibaba, il gigante cinese dell’e-commerce, ha finanziato Mission Impossible – Rouge Nation; Netflix, piattaforma digitale di grande successo, ha prodotto Beasts of No Nation, lo sconvolgente film di Cary Fukunaga sui bambini soldato africani e ha relizzato in compagnia della società Cattleya la sua prima produzione italiana: Suburra. Sky Europa produce The Last Panters, mentre la sua versione italiana, già nota per aver prodotto serie come Romanzo Criminale e Gomorra, mette in cantiere The Young Pope di Sorrentino. Amazon non è da meno e produce La tigre e il dragone 2, The man in the high castle diretto da Ridley Scott e altri dodici film; lo stesso vale per Youtube che ha iniziato a contattare produttori e studios di Hollywood per investire in una decina di film e fiction solo nel 2016.

Come in ogni rivoluzione l’entrata in scena di nuove pedine sulla scacchiera scatena perplessità e qualche protesta. C’è chi si preoccupa che la rete possa condizionare i contenuti del cinema o peggio decretarne la morte, ma in realtà i dati raccolti fino ad ora (dal 2009 al 2014) registrano un aumento degli incassi a livello mondiale mettendo a tacere le malelingue.

Sergio Mario Ottaiano

Sergio Mario Ottaiano

Sergio Mario Ottaiano, classe '93, Dottore in Lettere Moderne alla Facoltà di Lettere e Filosofia Federico II di Napoli. Bassista, scout, autore di canzoni, scrittore, Social Media Manager, Digital PR e Copywriter. Presidente del giornale Terre di Campania. Collabora per Music Coast To Coast, Fumettologica e Cultora. Ha pubblicato svariati racconti e poesie in diverse antologie; pubblica con Genesi Editrice il romanzo dal titolo "Un'Ucronìa" Il 1/4/2014.www.terredicampania.it Ha pubblicato svariati racconti e poesie in diverse antologie; pubblica con Genesi Editrice il romanzo dal titolo "Un'Ucronìa" Il 1/4/2014.

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy