• 31/10 @ 09:27, RT @Dartonit: Iran, il Book Garden di Teheran che ospita i libri censurati dal governo - Cultora (Blog) https://t.co/nOI4f0WUwz #DT #libri
  • 31/10 @ 08:26, RT @Dartonit: Iran, il Book Garden di Teheran che ospita i libri censurati dal governo - Cultora (Blog) https://t.co/jzpkBP48Z5 #DT #libri
  • 30/10 @ 16:05, RT @gbarbacetto: Un po' di Genova a Milano: domani libreria Cultora con Luigi @zingales_it parleremo del libro di Carlotta Scozzari @scarlo…
  • 30/10 @ 15:53, RT @scarlots: Domani, ore 12.00, libreria #Cultora (via Lamarmora 24, mm Crocetta), 1° tappa milanese del "Banche in sofferenza" tour #Cari…
  • 30/10 @ 10:58, RT @mnamon_ebook: Alla Libreria #Cultora https://t.co/FHHhvZ87H0 Sul suo sito BukBook, i dettagli dell'evento del 7 novembre con Tommaso De…
  • 30/10 @ 09:57, RT @Dartonit: Iran, il Book Garden di Teheran che ospita i libri censurati dal governo - Cultora (Blog) https://t.co/gNa0Q7f3Rp #DT #libri

Mantenere le giuste distanze dagli altri: il dilemma del porcospino di Schopenhauer

Alessio Zazzetta di Alessio Zazzetta, in Letteratura, Libri, del

Pochi conoscono il dilemma del porcospino, ma tutti quanti abbiamo sperimentato il dolore per una relazione amorosa o d’amicizia andata male. Tale dilemma potrebbe anche chiamarsi dilemma del genere umano. Questa finissima parabola è stata scritta dalla mente geniale di Arthur Schopenhauer ed è inserito nella sua raccolta di pensieri chiamata: Parerga e paralipomena.

Una compagnia di porcospini, in una fredda giornata d’inverno, si strinsero vicini, per proteggersi, col calore reciproco, dal rimanere assiderati. Ben presto, però, sentirono il dolore delle spine reciproche; il dolore li costrinse ad allontanarsi di nuovo l’uno dall’altro. Quando poi il bisogno di scaldarsi li portò di nuovo a stare insieme, si ripeté quell’altro malanno; di modo che venivano sballottati avanti e indietro tra due mali: il freddo e il dolore. Tutto questo durò finché non ebbero trovato una moderata distanza reciproca, che rappresentava per loro la migliore posizione.” (Arthur Schopenhauer, capitolo XXI)

Il filosofo tedesco utilizza la figura del porcospino, animale dotato di spine, per costruire una metafora sul genere umano e in special modo sulle relazioni che intercorrono tra essi. L’uomo da sempre è un essere poco avvezzo alla solitudine, proprio per questo ha costruito una società fondata sui rapporti umani e sullo scambio tra persone. Oltre a non sopportare la solitudine però, siamo anche esseri in continuo mutamento e alla continua ricerca di altro, qualcosa che ancora non abbiamo; per questo motivo siamo volubili e poco propensi alle relazioni durature.

Ciò che il filoso tedesco tenta di spiegarci con questa bellissima parabola è che l’essere umano tenta da sempre di stringere legami forti e duraturi con altre persone, ma proprio quando la vicinanza con l’altro si riduce sensibilmente ci si espone apertamente alle “spine”. Non a caso quando si entra in maggior intimità con una persona si rischiano i dolori più profondi, ma al contrario anche rimanendo lontani non si ha la possibilità di sopperire al freddo con il calore umano, vitale per l’uomo. Il dilemma è dunque il seguente: qual è la corretta distanza da mantenere nelle relazioni (d’amicizia e non) per avere il giusto calore e allo stesso tempo evitare le spine? È meglio patire il freddo o dolore per la puntura delle spine?

Schopenhauer era convinto che mantenere una giusta distanza, una sorta di distanza di sicurezza, dagli altri potesse soddisfare il bisogno di calore, seppur minimo, e allo stesso tempo evitare ferite troppo profonde. Anche Aristotele senza ovviamente conoscere le parole di Schopenhauer diceva:  μέσον τε καὶ ἄριστον (il mezzo è la cosa migliore). Non esiste però una risposta universalmente corretta a questo dilemma, esistono varie interpretazioni. Si potrebbe dedurre che la vita solitaria possa essere la soluzione, ma la solitudine esagerata genera sofferenza, così come il troppo freddo. Arrischiarsi ad una vita solitaria solo per paura di ferirsi e di soffrire non è una vita che vale la pena di vivere; il freddo della solitudine è una certezza, mentre i rapporti umani sono una scommessa.

Il piacere che deriva dai rapporti umani rende in genere l’uomo migliore; la gioia comune, il piacere goduto insieme, si moltiplicano, danno all’individuo sicurezza, lo rendono affabile, sciolgono la diffidenza, l’invidia : perché ci si sente bene e si vede che l’altro si sente bene allo stesso modo.” (Friedrich Nietzsche).

Alessio Zazzetta

Alessio Zazzetta

Alessio Zazzetta è nato nel 1989. Laureato in Lettere moderne all'università di Roma Tre; attualmente è laureando in Italianistica nel medesimo ateneo. Nel 2014 ha conseguito la certificazione Ditals di II livello presso l'università per stranieri di Siena. Nel 2014 ha vissuto 9 mesi in Francia, grazie al progetto Erasmus+, dove ha portato a termine gli ultimi esami della laurea magistrale. Nel 2015 grazie ad una borsa di studio regionale ha lavorato in Francia per sei mesi come insegnante di lingua italiana e assistente di letteratura italiana, presso l'Università Champagne-Ardenne di Reims. Dal 2012 collabora con il sito di cultura scrivendovolo.com.

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy