• 21/06 @ 14:54, @SopravviviMi @MediasetTgcom24 @laurabusn Grazie mille!
  • 21/06 @ 14:54, RT @SopravviviMi: I consigli del libraio di Giugno! Su Letti a Letto @MediasetTgcom24 @laurabusn della Libreria Cultora di #Milano @culto…
  • 09/03 @ 15:51, La direzione di #HistoricaEdizioni saluta dal proprio stand un tempo nuovo, un #tempodilibri e di #cultura. In fot… https://t.co/JzpN8XKnCN
  • 09/03 @ 14:02, Oggi c’è aria di #ribellione a #tempodilibri. https://t.co/XZYA5tEy1E #Copertina a cura di Giulia Capitani… https://t.co/4f2XDrOzQp
  • 09/03 @ 11:57, Perché esiste #gendergap nel mondo della scrittura? A #tempodilibri, l’incontro “Leggere è femminile, scrivere è m… https://t.co/vWprmOGtSI
  • 08/03 @ 18:09, #8marzo, #tempodilibri ma anche tempo di #donne. Marta Meli, giornalista SkyTg24, apre il confronto su donne e scie… https://t.co/9QWlTubM97

L’Italia penultima nel rapporto Censis laureati tra i 30 e i 34 anni. Ma il problema è un altro

Marco Testa di Marco Testa, in Blog, del

E quindi, dati Censis, siamo in Europa i penultimi per percentuale di laureati, almeno nella fascia d’età 30-34 anni. L’impressione è però che il vero problema non attenga propriamente a una questione di puro numero e che quindi la stampa, piuttosto compatta in questa occasione, stia spaventando inutilmente o faccia perlomeno della semplificazione eccessiva. Almeno nella fascia d’età indicata, il tasso di laureati in Spagna è più alto di quello che c’è in Germania. Ora, ognuno pensi al divario economico e occupazionale esistente tra questi due paesi e tragga le proprie conclusioni.

Il problema italiano è piuttosto un altro, riassumibile nel modo seguente: non ha molto senso lamentare un basso numero percentuale di laureati senza che si tenga conto delle esigenze (e opportunità) reali e del tessuto produttivo del Paese. Insomma, il problema del numero attiene, semmai, a un’eccessiva percentuale di laureati distribuiti in certi ambiti (accompagnato però, questo è molto importante, da una interpretazione ancora novecentesca dell’utilizzo di alcune lauree, i cui relativi corsi universitari non si sono ancora saputi adeguare alle nuove esigenze e opportunità) rispetto ad altri. Siamo pertanto assolutamente convinti della necessità di selezionare, attraverso numero chiuso o altre forme (ad esempio uno sbarramento alla fine del secondo anno di corso, se non si è stati in grado, avendo scelto l’opzione fulltime, di mantenere una certa media e/o di sostenere un tot. numero di esami), all’interno di quelle facoltà, ossia quelle umanistiche (ma nel senso più ampio), che sono maggiormente associate ad  un elevato tasso di disoccupazione. Altrimenti continueremo a sfornare laureati detentori di un titolo che rischia di non servire assolutamente a nulla sul piano occupazionale, cosa che oggi sempre più è, alla faccia dei demagogici appelli del “numero chiuso fascista!” o altre buffonate che siamo constretti a sentire nel nostro Paese in nome di un concetto quantomeno equivoco di democrazia e di diritto allo studio.

Marco Testa

Marco Testa

È archivista, storico e musicologo. Cresciuto nell'isola di Sant’Antioco, lavora all'Archivio di Stato di Torino e collabora con l'Istituto per i Beni Musicali in Piemonte. Già collaboratore della cattedra di bibliografia musicale del Conservatorio "G.Verdi" di Torino, è inoltre docente presso l'Accademia Stefano Tempia. Autore di saggi e articoli pubblicati su riviste accademiche, scrive su "Il Corriere Musicale" e dal 2016 modera e conduce le conferenze annuali all'interno del Festival Estovest.

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy