• 23/08 @ 08:01, 15 #librerie per 700 abitanti: questa è #Bécherel, il borgo medievale della Bretagna https://t.co/zcWYB4EKKb https://t.co/NnbmkWfXop
  • 23/08 @ 08:00, RT @mbeccarelli: La vita umana è breve e i classici da leggere sono innumerevoli. Sono tanti i #ClassicicheNonhoLetto, purtroppo. Quali son…
  • 19/08 @ 12:39, RT @cultorait: #Libri di #Art in Pills: il “fare memoria” del popolo #ebreo, "Partenza e ritorno" di György Konrád https://t.co/dxVMvF2PvB
  • 19/08 @ 09:47, RT @cultorait: Le 20 migliori #serietv della storia secondo gli utenti di IMDb https://t.co/nm9HiDYgKg #GoTS7 #Sherlock #Westworld #Fargo…
  • 19/08 @ 08:30, RT @KellerEditore: Il “fare memoria” del popolo ebreo in "Partenza e ritorno", György #Konrád Di Viviana Filippini @cultorait https://t.co
  • 18/08 @ 08:51, #Libri di #Art in Pills: il “fare memoria” del popolo #ebreo, "Partenza e ritorno" di György Konrád… https://t.co/G9ujlw2xgi

La cultura gioca bene ma il pallone è sgonfio…

Luca Rota di Luca Rota, in Blog, del

senza-nome-true-color-02Leggo i dati raccolti dallo studio “Italia Creativa”, alla sua seconda edizione (riferita al 2015; potete scaricare direttamente qui la parte relativa ai libri, in pdf):

L’industria della cultura e della creatività nel 2015 ha prodotto 47,9 miliardi di euro, pari al 2,96% del Pil nazionale, con un tasso di crescita rispetto all’anno precedente del 2,4% dei ricavi (+951 milioni). Secondo l’analisi, tutti i settori risultano in crescita, a eccezione dell’editoria, in particolare quotidiani e periodici, che registrano un calo di poco superiore all’8%.

Mmm, ok. Se ne è disquisito anche qui su Cultora, qualche giorno fa. Approfondisco:

Nel 2015 il settore dei Libri in Italia risulta sostanzialmente stabile rispetto allo scorso anno: supera i 3 miliardi di euro e impiega complessivamente più di 140.000 occupati.

Ovvero, in soldoni: il libro – dacché di ciò si parla – ha sì guadagnato un (risicato, ma oggi va bene tutto) +0,4% rispetto al 2014, ma nel quadriennio 2012-2015 ha perso ben il 7,3%. Nello stesso periodo la musica, per dire, ha fatto segnare un +6,5%.

Sia chiaro – senza fare i pessimisti di default dacché in ogni caso non servirebbe a nulla: ottima cosa che l’industria della cultura e della creatività italiana cresca molto più dell’intero PIL nazionale. Tuttavia, se nel felicitarmi di quanto sopra penso ad una industria culturale la cui generale crescita (evviva! – lo ribadisco) è sostanzialmente priva dell’apporto del mercato dei libri, ergo del valore economico – per così dire – dell’esercizio della lettura (stampa d’informazione inclusa, anche se in molta parte per propria colpa), mi viene in mente qualcosa del tipo uno stadio pieno di persone più che in passato che gioiscono nell’assistere ad una partita di calcio giocata con un pallone sgonfio, ecco.

Intanto, nel mentre che concludo la dissertazione di cui sopra, leggo un altro articolo appena pubblicato sul tema, con dati più aggiornati ma con sottolineatura dell’ombrosità della situazione affine alle mie parole:

Cresce il mercato del libro in Italia nel 2016, segnando complessivamente (libri di carta, e-book e audiolibri) un +2,3%, raggiungendo così quota 1,283 milioni di euro riferiti al settore varia nei canali trade (librerie, librerie on line e GDO). È questo il principale dato di sintesi dell’analisi dell’Ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori (AIE) sul mercato del libro 2016 (…) Un’analisi caratterizzata da chiaro-scuri, articolata su tre direttrici: lettura, produzione e mercato. La lettura fa segnare complessivamente un -3,1% rispetto al 2015 (da 24,051 milioni i lettori scendono a 23,300 milioni nel 2016), dopo il +1,2% dell’anno precedente. Rimangono sostanzialmente stabili i forti lettori (da 3,298 nel 2015 diventano 3,285 milioni nel 2016) mentre la flessione maggiore riguarda i deboli e occasionali lettori.

Insomma: pare che il pallone sia ancora piuttosto sgonfio, e finché non lo si gonfierà a dovere la partita (culturale) che ne uscirà non potrà essere così entusiasmante, ahinoi.

Luca Rota

Luca Rota

Luca Rota, nato nell’anno 71 del secolo 20°, ha pubblicato al momento 8 libri di cui 2 di poesia, 4 romanzi, 1 guida di viaggio, 1 saggio storiografico e un’opera multimediale di poesia audio visuale – per la cronaca, l’ultimo libro edito è "Lucerna, il cuore della Svizzera" per Historica. Ha 1 casa, 1 auto, 2 biciclette, 5 tra pc e tablet, 2 paia di sci e 2 di scarpe da running, che durano non più di 1 anno; conduce 2 programmi radio, cura 2 blog, ha un sito web e 5 profili sui social network, compra decine di libri a volta e altrettanti ne legge, si ostina a fare 1.000 altre cose e altrettante ne pensa. A volte forse da’ i numeri, ma tanto non li gioca mai. Lo puoi incontrare soprattutto su www.lucarota.it e sul blog lucarota.wordpress.com.

Cultora © 2017, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy