• 21/06 @ 14:54, @SopravviviMi @MediasetTgcom24 @laurabusn Grazie mille!
  • 21/06 @ 14:54, RT @SopravviviMi: I consigli del libraio di Giugno! Su Letti a Letto @MediasetTgcom24 @laurabusn della Libreria Cultora di #Milano @culto…
  • 09/03 @ 15:51, La direzione di #HistoricaEdizioni saluta dal proprio stand un tempo nuovo, un #tempodilibri e di #cultura. In fot… https://t.co/JzpN8XKnCN
  • 09/03 @ 14:02, Oggi c’è aria di #ribellione a #tempodilibri. https://t.co/XZYA5tEy1E #Copertina a cura di Giulia Capitani… https://t.co/4f2XDrOzQp
  • 09/03 @ 11:57, Perché esiste #gendergap nel mondo della scrittura? A #tempodilibri, l’incontro “Leggere è femminile, scrivere è m… https://t.co/vWprmOGtSI
  • 08/03 @ 18:09, #8marzo, #tempodilibri ma anche tempo di #donne. Marta Meli, giornalista SkyTg24, apre il confronto su donne e scie… https://t.co/9QWlTubM97

Internet trascina il mercato dei media in Italia

Francesco Frisone di Francesco Frisone, in Media, New media, del

Il futuro della comunicazione pubblicitaria in Italia è sempre più online. È questo, in sostanza, il succo della ricerca curata dagli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano. Il mercato pubblicitario in Internet ha raggiunto e superato i 2,2 miliardi di euro, chiarendo come quella digitale sia l’unica branca del settore pubblicitario ancora in grado di allargarsi.

La Rete, che ha superato la carta stampata in diffusione di contenuti e pubblicità nel 2013, mette ora la freccia e si appresta a sorpassare nei prossimi anni anche la televisione. Attualmente infatti Internet è il secondo mezzo preferito dagli operatori pubblicitari, ricoprendo da solo quasi il 30% del volume degli investimenti.

Il problema sollevato da questo trend ormai inarrestabile ha a che vedere ovviamente con i guadagni. Mentre gli Internet Media, gestiti dalle grandi compagnie straniere, sono cresciuti del 12%, collezionando incrementi su tutti i settori del Web 2.0, i media italiani hanno registrato in sette anni una perdita sui ricavi del 17% , pari a 3,2 miliardi di euro.

Come in una reazione a catena, la perdita dei ricavi ha palesato il vero grande problema del mercato mediale italiano: il deficit d’investimenti nella ricerca di nuove modalità di produzione del valore. Ancorati alle logiche tradizionali, i media italiani hanno iniziato a scommettere troppo tardi sulle potenzialità delle rete, lasciando ampio margine di guadagno ai New Media, quasi mai italiani.

Il globale andamento negativo del mercato pubblicitario italiano e la scarsa penetrazione di Internet tra gli abitanti del Bel Paese, sono due dati correlati che vanno imputati ai media stessi, i quali non sono stati in grado di evolversi e di educare il proprio pubblico ad un utilizzo della Rete che andasse a loro vantaggio.

Mentre Facebook e Twitter  già da tempo attirano come magneti la quasi totalità delle notizie (e quindi della pubblicità) che viaggia sulla Rete, incrementando così ogni giorno il proprio valore commerciale, gli editori e le media company italiane stanno facendo fatica a comprendere come il futuro dell’informazione e della pubblicità viaggi ormai solo sulla Rete.

Andrea Rangone, Coordinatore degli Osservatori del Politecnico di Milano, invita gli imprenditori mediali italiani ad affrettarsi e a recuperare il tempo perduto nel campo dell’innovazione, investendo nella ricerca di nuove modalità di distribuzione di contenuti informativi e di conseguenza di advertising. In questa rincorsa al futuro, secondo Rangone, determinate, necessaria e vantaggiosa sarà la contaminazione con il mondo delle start-up.

Francesco Frisone

Francesco Frisone

Francesco Frisone, nato nel 1994 a Roma. Frequenta la facoltà di Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Pavia, è allievo IUSS e alunno dell'Almo Collegio Borromeo. Ha frequentato la London School of Journalism nell'estate 2014 e ha lavorato per l'Ufficio del Sindaco Depaoli a Pavia nel 2015. Si interessa di media, politica e campagne elettorali.

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy