Francia: 100mila libri da leggere in treno. Ecco la biblioteca digitale per pendolari

Redazione di Redazione, in Letteratura, Libri, del

leggere in treno

Uno dei più antichi rimedi alla noia di un viaggio in treno, più o meno lungo, è avere con sé una o molte buone letture: il libro ci distrae dall’ossessione della destinazione, dal ritardo, dal tempo che passa, dalla noia. Per questo, in Francia, la SNCF, l’equivalente della nostra Trenitalia, ha da poco pensato di mettere a disposizione dei suoi passeggeri un’intera biblioteca virtuale.

L’idea è nata da un esperimento simile condotto nel 2014 sulle linea della Lorena, che ha portato a ottimi risultati: più di un viaggiatore su tre è diventato cliente abituale del servizio dopo il primo mese di prova gratuita. Dato l’alto tasso di soddisfazione generale e considerato che in Francia il 95% dei passeggeri porta con sé almeno un apparecchio elettronico, sia esso un tablet, uno smartphone o un notebook, la società ferroviaria ha deciso di estendere il servizio a tutta la nazione.

Ora chiunque viaggi su un treno regionale o un intercity su suolo francese, può utilizzare facilmente il servizio di lettura, scaricando gratuitamente l’app SNCF e-Livre su Android o iOS per avere accesso al catalogo della biblioteca: 100.000 libri consultabili offline. Per i primi 45 giorni di servizio, la consultazione è gratuita, al termine di questo periodo è possibile sottoscrivere un abbonamento mensile, al costo di € 9,90 al mese. L’abbonamento non è l’unica opzione: il cliente potrà anche scegliere di continuare le sue letture senza pagare la tariffa, avendo, e ancora a disposizione 5000 grandi classici e una selezione di opere rinnovate mensilmente, tra cui una pubblicazione particolarmente attuale o di spicco nel mondo dell’editoria, dieci uscite nazionali e una selezione di pubblicazioni regionali, relative al luogo in cui si trova l’utente, così da fargli scoprire curiosità interessanti sul suolo che sta attraversando.

L’iniziativa è senz’altro un’ottima idea per incrementare la libera circolazione di cultura nel paese e stimolare tutti, anche le generazioni più giovani, a fruirne gratuitamente e avidamente ma c’è chi si mostra scettico e irritato nei confronti della filantropica operazione: gli editori. Questi ultimi, infatti, non sono del tutto favorevoli alla cessione dei diritti di alcune opere, soprattutto le ultime uscite, per questo, il 65% dei proventi che derivano dagli abbonamenti saranno destinati proprio alle case editrici e alcune nuove uscite non saranno presenti in versione integrale all’interno del catalogo ma solo in estratti, anticipazioni di una ventina di pagine.

Considerando che il mercato dell’e-book francese è molto più stabile di quello italiano, con una percentuale del 4,1%, l’iniziativa potrebbe rivelarsi vincente, sicuramente apprezzata dagli habitué dei viaggi in treno e, magari, prima o poi, anche dagli editori che riusciranno a sfruttarne il potenziale.

Isabella Diamanti

Redazione

Redazione

Cultora è un magazine online dedicato al mondo della cultura in generale. Uno spazio nuovo e dinamico all'interno del quale è possibile trovare notizie sempre aggiornate su libri e letteratura, musica, cinema, media e nuove tecnologie. Sono inoltre parte integrante del portale numerosi spazi dedicati a blog curati da giornalisti, addetti ai lavori, opinion leader che offrono le loro personali opinioni e esaustivi approfondimenti riguardo i temi più caldi del mondo della cultura.

Cultora © 2016, Tutti i diritti riservati | Associazione Culturale Historica - Via P. V. Da Sarsina, 320 - 47521, Cesena (FC) - P.I. 04044590406
Privacy Policy