• 23/08 @ 08:01, 15 #librerie per 700 abitanti: questa è #Bécherel, il borgo medievale della Bretagna https://t.co/zcWYB4EKKb https://t.co/NnbmkWfXop
  • 23/08 @ 08:00, RT @mbeccarelli: La vita umana è breve e i classici da leggere sono innumerevoli. Sono tanti i #ClassicicheNonhoLetto, purtroppo. Quali son…
  • 19/08 @ 12:39, RT @cultorait: #Libri di #Art in Pills: il “fare memoria” del popolo #ebreo, "Partenza e ritorno" di György Konrád https://t.co/dxVMvF2PvB
  • 19/08 @ 09:47, RT @cultorait: Le 20 migliori #serietv della storia secondo gli utenti di IMDb https://t.co/nm9HiDYgKg #GoTS7 #Sherlock #Westworld #Fargo…
  • 19/08 @ 08:30, RT @KellerEditore: Il “fare memoria” del popolo ebreo in "Partenza e ritorno", György #Konrád Di Viviana Filippini @cultorait https://t.co
  • 18/08 @ 08:51, #Libri di #Art in Pills: il “fare memoria” del popolo #ebreo, "Partenza e ritorno" di György Konrád… https://t.co/G9ujlw2xgi

Colossal: Anne Hathaway è il mostro contro la violenza sulle donne

Valeria Giuffrida di Valeria Giuffrida, in Cinema, Film in uscita, del

Colossal è il film che non ti aspetti. Promette di essere un monster movie, ma non lo è. Promette di essere la classica commediola un po’ demenziale, ma non lo è. Promette di parlare del “mostro” dell’alcol ma il vero tema che alla fine emerge è i diversi modi in cui gli uomini esercitano violenza sulle donne, e anche come una donna possa fare violenza a se stessa.

Gloria infatti è una trentenne persa in un giro d’amicizie dedite a feste e alcol. Tutto cambia quando il fidanzato Tim, stanco di quel comportamento, la butta fuori di casa. Decide così di tornare nella sua città natale, per tentare di rimettersi in carreggiata. L’incontro con l’amico d’infanzia Oscar sembra all’inizio l’occasione che aspettava. Oscar è simpatico e generoso, l’aiuta ad arredare casa e le dà un lavoro nel suo bar. Ma lavorare in un bar significa per lei tornare alle vecchie abitudini. Dopo la chiusura, i due restano tutta la notte ad ubriacarsi. Questo circolo vizioso viene sconvolto quando un enorme Kaijū si materializza a Seoul, uccidendo centinaia di persone. Non passerà molto prima che Gloria comprenda che il mostro è lei.

Difficile raccontare questo film senza cadere nello spoiler, tanto quanto è difficile superare i primi venti minuti senza l’impressione di avere davanti un prodotto superficiale e lento, noioso come la vita. La comparsa del mostro è quel momento in cui ci rendiamo conto di quanto male si possa fare a chi ci sta intorno. La bestia non uccide intenzionalmente, si muove, cammina senza badare alle persone che schiaccia. Anche Oscar, l’amico affabile, dovrà fare i conti con se stesso quando un gigantesco robot apparirà vicino al mostro.

A questo punto diventa chiaro che la commedia sciatta è in realtà una storia ben congegnata dove nulla è come sembra. La scelta di Seoul non è casuale. Non solo perché ricorda i classici monster movie asiatici – da qui una causa intentata dai produttori di Godzilla e poi vinta – ma anche perché la Corea rappresenta cinicamente un altro mondo, la metafora della massa per cui proviamo compassione ma che per fortuna è lontana. E guardando il film in lingua originale si capisce anche dell’altro: la pronuncia inglese di Seoul somiglia tanto a soul (anima). Il mostro che minaccia il nostro essere. Il regista Nancho Vigalondo mette così in scena una serie di scatole cinesi di significati. Dentro il tema principale se ne trova un altro non meno importante: la violenza sulle donne. E non solo quella fisica, soprattutto quella psicologica. Gloria si ritrova costretta tra un fidanzato perfetto che esprime il suo amore controllandola e un amico geloso il cui affetto ha un prezzo.

Anche gli attori sono una sorpresa. Jason Sudeikis, storico membro del Saturday Night Live, accantona i ruoli da bravo ragazzo per diventare Oscar e scendere con lui nella parte oscura della mente degli uomini. E lo fa bene. Viceversa, Anne Hathaway (Il Diavolo Veste Prada, Interstellar) risulta un po’ affettata con le sue faccine da ragazza incasinata. Nei panni di Tim troviamo invece Dan Stevens. Il famoso Matthew Crawley di Downton Abbey, straordinario nella serie TV Legion e protagonista di La Bella e la Bestia, non offre qui la migliore performance, forse perché relegato al ruolo marginale di inglese pignolo.

Insomma, Colossal resta il film più eccentrico degli ultimi tempi, con un messaggio positivo contro la violenza sulle donne, moltissimi pregi e qualche difetto di cui, ad oggi, il principale resta la mancanza di una data di uscita italiana.

Valeria Giuffrida

Valeria Giuffrida

Valeria Giuffrida, nata a Catania. Ha studiato Lingue e Comunicazione. Blogger, appassionata di narrazione e mescolanza tra linguaggi comunicativi, ha frequentato diversi corsi nel settore del teatro, del cinema, della radio, della scrittura creativa. Ha collaborato per due anni con Step1 magazine, occupandosi di cultura, cronaca, interviste, video inchieste. Insieme ad un gruppo di studenti del Dipartimento di Scienze Umanistiche dell'Università di Catania, ha fondato Smanews, progetto radiovisivo di informazione e satira.

Cultora © 2017, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy