• 21/06 @ 14:54, @SopravviviMi @MediasetTgcom24 @laurabusn Grazie mille!
  • 21/06 @ 14:54, RT @SopravviviMi: I consigli del libraio di Giugno! Su Letti a Letto @MediasetTgcom24 @laurabusn della Libreria Cultora di #Milano @culto…
  • 09/03 @ 15:51, La direzione di #HistoricaEdizioni saluta dal proprio stand un tempo nuovo, un #tempodilibri e di #cultura. In fot… https://t.co/JzpN8XKnCN
  • 09/03 @ 14:02, Oggi c’è aria di #ribellione a #tempodilibri. https://t.co/XZYA5tEy1E #Copertina a cura di Giulia Capitani… https://t.co/4f2XDrOzQp
  • 09/03 @ 11:57, Perché esiste #gendergap nel mondo della scrittura? A #tempodilibri, l’incontro “Leggere è femminile, scrivere è m… https://t.co/vWprmOGtSI
  • 08/03 @ 18:09, #8marzo, #tempodilibri ma anche tempo di #donne. Marta Meli, giornalista SkyTg24, apre il confronto su donne e scie… https://t.co/9QWlTubM97

Art in Pills e storiuncole: Le opere fotografiche di W. Eugene Smith in Italia

Viviana Filippini di Viviana Filippini, in Arte, Blog, del

Le opere fotografiche di W. Eugene Smith in Italia.

Pittsburgh: ritratto di una città industriale in mostra al MAST di Bologna fino al 16 settembre 2018

Eugene Smith è un fotografo americano nato nel 1918. A cento anni dalla nascita e a quaranta dalla morte avvenuta nel 1978, la Fondazione MAST di Bologna fino al 16 di settembre, e per la prima volta in Italia, gli dedica una mostra con le immagini che hanno avuto per protagonista, a partire dal 1955, la città industriale americana più famosa del primo Novecento: Pittsburgh (Pennsylvania, USA).

L’immagine che ho scelto è il ritratto fotografico di un uomo, o meglio di uno SteelWorker (Forgiatore), un operaio addetto alla lavorazione dell’acciaio. La foto, scattata tra il 1955-1957, gioca molto sui contrasti tra il fondo opaco ma luminoso, velato da una sorta di nebbia o vapore acqueo  e la figura in primo piano, quella del lavoratore, posto in un sorta di penombra.

Guardando lo Steel worker, con quegli occhiali enormi che servono a proteggere gli occhi, il giaccone, i guanti e il cappello di fattura consistente e fortemente materica, si ha come la sensazione che questo uomo sia alle prese con un’attività  impegnativa, faticosa e dura. I suoi tratti somatici sono abbozzati. Intravediamo il naso, le labbra sottili, forse dei baffi e un volto scurito dalle ore di lavoro, dallo sporco, dal sudore e dalla fatica. Tale rappresentazione ci impedisce di dargli un’identità precisa, ma il soggetto diventa una figura, scandagliata nel suo animo e psicologia, con la quale ogni lavoratore poteva identificarsi. Questa fotografia si concentra su un uomo per rappresentare il lavoro, il fare industriale e le speranze nel progresso. Luci e ombre, gioie e fatiche che caratterizzarono l’America degli anni Cinquanta.

L’opera che vi ho narrato è una delle 170 stampe vintage provenienti dalla collezione del Carnegie Museum of Art di Pittsburgh. Oltre a ritratti di lavoratori, delle fabbriche di Pittsburgh, Smith impresse su pellicola scorci della città nei quartieri popolari e in quelli in via di costruzione. Immagini che mostrano e raccontano una città in via di sviluppo e trasformazione.

L’esposizione è organizzata dalla Fondazione MAST in collaborazione con Carnegie Museum of Art, Pittsburgh, Pennsylvania. Il curatore è Urs Stahel.

William Eugene Smith(1918-1978), originario del Kansa, studiò fotografia all’Università di Notre Dame, nell’Indiana. Nel 1937 si trasferì a New York, dove lavorò come fotoreporter per Newsweek, Collier’s, Parade, Time, Fortune, Look e Life. Partì per la Seconda guerra mondiale come corrispondente dalle isole di Saipan, Iwo Jima, e Okinawa, in Giappone, dove venne ferito gravemente da una granata. A 36 anni, Smith decise di non lavorare più per Life e di continuare la sua attività di fotografo-fotoreporter in autonomia, per poter aver maggiore libertà espressiva.

 

MAST.

via Speranza 42, Bologna

16 maggio – 16 settembre 2018

www.mast.org

Ingresso gratuito

Orari di apertura

Martedì – Domenica 10.00 – 19.00

Ufficio Stampa:

press@fondazionemast.org – T. O51 6474406

 

 

Viviana Filippini

Viviana Filippini

Viviana Filippini (Orzinuovi –Bs-, 1981) è giornalista pubblicista e collabora dal 2007 con il quotidiano «Giornale di Brescia» come corrispondente esterno. Si è laureata in Dams (Cinema e audiovisivi) alla Facoltà di Lettere e Filosofia all’Università Cattolica di Brescia con una tesi sul Bildungsroman (Romanzo di formazione), scrive di libri su blog letterari e culturali (Liberi di scrivere, Sul romanzo). Dal 2015 ha un blog dedicato all’arte (Art in Pills) sul portale Cultora.it. Tiene corsi di Scrittura creativa, di Riscoperta dei Classici della letteratura e di Storia del Cinema. Ha fatto la speaker radiofonica. Ha curato le antologie di Racconti bresciani(Vol I, II, III, IV, V) per Historica edizioni, 2015 Cesena, e scritto Brescia segreta. Luoghi, storie e personaggi della città, Historica, 2015 Cesena e la storia per ragazzi Furio e la Beata Paola Gambara Costa, illustrata da Barbara Mancini, ebm edizioni, Manerbio 2015. A passo sospeso. The Floating Piers Christo & Jeanne Claude, Temperino Rosso, Brescia 2016. Onte il Camaleonte, ed. Arpeggio libero, 2017. Illustrazioni di Daisy Romero.

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy