• 21/06 @ 14:54, @SopravviviMi @MediasetTgcom24 @laurabusn Grazie mille!
  • 21/06 @ 14:54, RT @SopravviviMi: I consigli del libraio di Giugno! Su Letti a Letto @MediasetTgcom24 @laurabusn della Libreria Cultora di #Milano @culto…
  • 09/03 @ 15:51, La direzione di #HistoricaEdizioni saluta dal proprio stand un tempo nuovo, un #tempodilibri e di #cultura. In fot… https://t.co/JzpN8XKnCN
  • 09/03 @ 14:02, Oggi c’è aria di #ribellione a #tempodilibri. https://t.co/XZYA5tEy1E #Copertina a cura di Giulia Capitani… https://t.co/4f2XDrOzQp
  • 09/03 @ 11:57, Perché esiste #gendergap nel mondo della scrittura? A #tempodilibri, l’incontro “Leggere è femminile, scrivere è m… https://t.co/vWprmOGtSI
  • 08/03 @ 18:09, #8marzo, #tempodilibri ma anche tempo di #donne. Marta Meli, giornalista SkyTg24, apre il confronto su donne e scie… https://t.co/9QWlTubM97

Art in Pills e storiuncole: Franz Marc e l’animalizzazione dell’arte

Viviana Filippini di Viviana Filippini, in Arte, Blog, del

Art in Pills e storiuncole: Franz Marc e l’animalizzazione dell’arte

Franz Marc e la Volpe blu e nera

Addentriamoci un po’ nella pittura dell’Espressionismo tedesco, quella che tra i tanti obiettivipuntava ad un’arte in grado di esaltare in maniera profonda i sentimenti dell’animo umano e il modo in cui essi influenzavano la percezione della realtà.  In dettaglio mi soffermo su un quadro di Franz Marc: Volpe blu e nera. Il dipinto è un olio su tela e venne realizzato da Marc nel 1911. Oggi lo troviamo al Von Der Heydt Museum di Wuppertal.

Il tedesco Marc (1880-1916), figlio di pittore, viaggiò molto in Europa ed ebbe la fortuna di incontrare artisti e di conoscere le diverse forme di arte presenti in Europa all’inizio del Novecento, proprio nel periodo delle Avanguardie. Tra i temi principali scelti dal pittore ci furono i paesaggi e soprattutto gli animali, perché per Marc gli animali erano l’ideale metafora per la rappresentazione dei valori della purezza, della sensibilità e dell’innocenza. Il pittore tedesco scelse gli animali per attuare quello spesso definito il processo di animalizzazione dell’arte, nel quale il mondo non è più rappresentato attraverso un sguardo oggettivo, ma come l’artista vede l’animale e come l’animale percepisce il mondo stesso. Marc arrivò, in certi dipiniti, ad umanizzare l’animale donandogli tratti somatici simili a quelli degli esserei umani. Questo era un porre sullo stesso piano di valenza gli uomini e gli animali. Il pittore, oltre a fare un’arte esprimendo il proprio punto di vista personale (soggettivo), provava pure mettersi nei panni dell’animale stesso, cercando di dipingere la realtà come l’avrebbero potuta percepire gli animali stessi.

In Volpe blu e nera del 1911 ritroviamo queste volontà di Marc, ossia dare rappresentazione emotiva e soggettiva agli animali. In dettaglio, al centro della tela vediamo una volpe addormentata, caratterizzata da pennellate rapide e ordinate che non solo ne definiscono la forma, ma ne contraddistinguono in modo netto il pelo scuro, nel quale si alternano pennellate – o anche sfumature- di blu e nero. Spicca, in prossimità del sotto bocca, la parte del pelo candido e puro. L’animale, placidamente a riposo, è immerso in un paesaggio costituito da forme semplici ed essenziali e da campiture di colore (azzurro, verde, giallo, arancio e rosso) compatte, dove le sfumature sono poche e lievi. A destra della tela si nota un albero –anche se tagliato dall’inquadratura compositiva voluta dall’artista- del quale si intravedono il fusto marrone e la chioma verde che entra appena appena dall’alto.

I colori così forti non furono per Marc la semplice rappresentazione dei colori della realtà. Per il pittore tedesco stendere il colore era qualcosa che assumeva un valore più simbolico. Il colore non era quindi rappresentato in base a come la luce lo colpiva, Marc gli dava un valore emotivo e lo dipingeva come lo percpiva lui nel momento della realizzazione dal dipinto stesso. In questa Volpe blu e nera si ritrovano alcuni colori importanti per Marc: c’è il blu nella volpe a rappresentazione del principio maschile e di quello spirituale. Dietro notiamo il giallo che il pittore riconduceva al concetto femminile, gentile, allegro e sensuale. E non manca il rosso (qui però è poco presente, a prevalere è l’arancio) considerato come colore brutale e opprimente, contro il quale il blu e il giallo dovevano schierarsi in modo compatto.

Viviana Filippini

Viviana Filippini

Viviana Filippini (Orzinuovi –Bs-, 1981) è giornalista pubblicista e collabora dal 2007 con il quotidiano «Giornale di Brescia» come corrispondente esterno. Si è laureata in Dams (Cinema e audiovisivi) alla Facoltà di Lettere e Filosofia all’Università Cattolica di Brescia con una tesi sul Bildungsroman (Romanzo di formazione), scrive di libri su blog letterari e culturali (Liberi di scrivere, Sul romanzoe IlRecensore). Dal 2015 ha un blog dedicato all’arte (Art in Pills) sul portale Cultora.it. Tiene corsi di Scrittura creativa, di Riscoperta dei Classici della letteratura e di Storia del Cinema. Ha fatto la speaker radiofonica. Ha curato le antologie di Racconti bresciani(Vol I, II, III, IV) per Historica edizioni, 2015 Cesena, e scritto Brescia segreta. Luoghi, storie e personaggi della città, Historica, 2015 Cesena e la storia per ragazzi Furio e la Beata Paola Gambara Costa, illustrata da Barbara Mancini, ebm edizioni, Manerbio 2015. A passo sospeso. The Floating Piers Christo & Jeanne Claude, Temperino Rosso, Brescia 2016. Onte il Camaleonte, ed. Arpeggio libero, 2017. Illustrazioni di Daisy Romero.

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy