• 21/06 @ 14:54, @SopravviviMi @MediasetTgcom24 @laurabusn Grazie mille!
  • 21/06 @ 14:54, RT @SopravviviMi: I consigli del libraio di Giugno! Su Letti a Letto @MediasetTgcom24 @laurabusn della Libreria Cultora di #Milano @culto…
  • 09/03 @ 15:51, La direzione di #HistoricaEdizioni saluta dal proprio stand un tempo nuovo, un #tempodilibri e di #cultura. In fot… https://t.co/JzpN8XKnCN
  • 09/03 @ 14:02, Oggi c’è aria di #ribellione a #tempodilibri. https://t.co/XZYA5tEy1E #Copertina a cura di Giulia Capitani… https://t.co/4f2XDrOzQp
  • 09/03 @ 11:57, Perché esiste #gendergap nel mondo della scrittura? A #tempodilibri, l’incontro “Leggere è femminile, scrivere è m… https://t.co/vWprmOGtSI
  • 08/03 @ 18:09, #8marzo, #tempodilibri ma anche tempo di #donne. Marta Meli, giornalista SkyTg24, apre il confronto su donne e scie… https://t.co/9QWlTubM97

Art in Pills e Storiuncole vintage ’80

Viviana Filippini di Viviana Filippini, in Blog, del

Storiuncole vintage anni ’80.

Colle, carta e altro

Tutti, presumo, tutti almeno una volta nella nostra carriera scolastica ci siamo imbattuti nella mitica colla COCCOINA e la UHU. Io me le ricordo quando andavo alle scuole elementari. Di solito avevo delle colle liquide che assomigliavano a gel trasparenti e se sbagliavi a farne colare troppa attraverso la spugnetta il foglio diventava umidiccio e fare il buco nella pagina mentre scrivevi era un attimo. Solo verso la terza elementare sono passata alla colla stick. Due però erano le colle che attiravano la mia e la nostra attenzione. Una era la mitica COCCOINA che mi faceva impazzire per il vasetto bianco con le scritte blu o, rarità, quello in metallo (allumino realizzato prima degli anni ’80). Aveva quel pennellino micro col manichetto in acciaio e le setole morbide. La Coccoina io me la ricordo perché nessuno di noi ce l’aveva, però era in dotazione alla scuola e molti di noi r, non perdevano mai l’occasione di correre all’armadio presente in classe per poter prendere quel barattolo e annusare quella cremina bianca che sapeva di mandorla. L’altra colla era la UHU. Era trasparente, molliccia, ma non troppo e mi ricordo che avevamo l’abitudine di metterne un po’ sul banco e poi picchiettarci sopra il dito fino ad ottenere delle piccole palline. Cosa ne facevamo poi? Trasformavamo i fusti delle biro in mini cerbottane che sparavano palline di colla grigiastra. Ci si divertiva con poco…

Viviana Filippini

Viviana Filippini

Viviana Filippini (Orzinuovi –Bs-, 1981) è giornalista pubblicista e collabora dal 2007 con il quotidiano «Giornale di Brescia» come corrispondente esterno. Si è laureata in Dams (Cinema e audiovisivi) alla Facoltà di Lettere e Filosofia all’Università Cattolica di Brescia con una tesi sul Bildungsroman (Romanzo di formazione), scrive di libri su blog letterari e culturali (Liberi di scrivere, Sul romanzo). Dal 2015 ha un blog dedicato all’arte (Art in Pills) sul portale Cultora.it. Tiene corsi di Scrittura creativa, di Riscoperta dei Classici della letteratura e di Storia del Cinema. Ha fatto la speaker radiofonica. Ha curato le antologie di Racconti bresciani(Vol I, II, III, IV, V) per Historica edizioni, 2015 Cesena, e scritto Brescia segreta. Luoghi, storie e personaggi della città, Historica, 2015 Cesena e la storia per ragazzi Furio e la Beata Paola Gambara Costa, illustrata da Barbara Mancini, ebm edizioni, Manerbio 2015. A passo sospeso. The Floating Piers Christo & Jeanne Claude, Temperino Rosso, Brescia 2016. Onte il Camaleonte, ed. Arpeggio libero, 2017. Illustrazioni di Daisy Romero.

Cultora © 2020, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy