• 09/03 @ 15:51, La direzione di #HistoricaEdizioni saluta dal proprio stand un tempo nuovo, un #tempodilibri e di #cultura. In fot… https://t.co/JzpN8XKnCN
  • 09/03 @ 14:02, Oggi c’è aria di #ribellione a #tempodilibri. https://t.co/XZYA5tEy1E #Copertina a cura di Giulia Capitani… https://t.co/4f2XDrOzQp
  • 09/03 @ 11:57, Perché esiste #gendergap nel mondo della scrittura? A #tempodilibri, l’incontro “Leggere è femminile, scrivere è m… https://t.co/vWprmOGtSI
  • 08/03 @ 18:09, #8marzo, #tempodilibri ma anche tempo di #donne. Marta Meli, giornalista SkyTg24, apre il confronto su donne e scie… https://t.co/9QWlTubM97
  • 08/03 @ 18:02, Primo giorno di fiera, a Milano è #tempodilibri. Splendido allestimento e mille eventi da non perdere! #cultura… https://t.co/6JfsugMuy0
  • 31/10 @ 09:27, RT @Dartonit: Iran, il Book Garden di Teheran che ospita i libri censurati dal governo - Cultora (Blog) https://t.co/nOI4f0WUwz #DT #libri

Art in Pills due mostre al CIAC di Foligno

Viviana Filippini di Viviana Filippini, in Arte, Blog, del

Art in Pills,  due mostre al CIAC di Foligno

Ugo La  Pietra e Giuseppe Stampone protagonisti di due esposizioni fino al 30 settembre

Due sono le mostre che fino al 30 settembre animeranno il CIAC, il  Centro Italiano Arte Contemporanea  di Foligno, lo spazio dedicato all’arte nel centro della città umbra.

Istruzioni per abitare la città. Opere e ricerche nell’ambiente urbano dal 1969 – 2017 sarà dedicata a Ugo La Pietra architetto, designer, cineasta, musicista. L’altra avrà per protagonista Giuseppe Stampone, artista italiano, nato nel 1974.

La mostra dedicata a La Pietra – Istruzioni per abitare la città. Opere e ricerche nell’ambiente urbano dal 1969 – 2017-    è un percorso che intende ripercorre i molteplici ambiti di indagine dello spazio urbano.

Dodici aree di ricerca e un centinaio di opere bidimensionali, alcuni brani video, oggetti tridimensionali e un’installazione, rendono l’esposizione un pellegrinaggio ricco di emozioni per lo sguardo dello spettatore. Particolare e interessante è la presenza di una installazione in scala reale, una “Casa Aperta”, all’interno della quale ci sono oggetti sottoposti a quella che l’artista definisce “Riconversione progettuale”: una sorta di ready made con il quale certi elementi di arredo urbano vengono riattualizzati e riutilizzati  dall’artista come elementi di arredo domestico. I curatori della mostra sono Italo Tomassoni, Giacinto Di Pietrantonio e Giancarlo Partenzi.

 

Giuseppe Stampone in Perché il cielo è di tutti e la terra no?  propone vari suoi lavori incentrati su alcuni temi-chiave: la dilatazione e la riappropriazione del proprio tempo intimo, rappresentata da disegni stratificati composti da immagini iconiche recuperate dal mondo di internet. Ogni icona è stata riadattata per diventare un pezzo unico e realizzata con la penna BIC con i colori nero, rosso e blu.

Altri temi importanti sono l’attenzione dell’artista sul tema della migrazione, sulla povertà che assilla grandi fasce della popolazione mondiale. Il tutto affrontato attraverso la reinterpretazione di quadri storici in chiave contemporanea. Un esempio è la tavola Origine du monde, dove l’artista reinterpreta il Ratto d’Europa di Rembrandt, con il fine di far riflettere sul corso fallimentare e drammatico della primavera araba e le nuove guerre di religione.

Poi nella mostra compaiono mappe, guide turistiche e abecedari, che puntano ad un funzione educativa universale per stimolare  la riflessione su temi come le migrazioni, le risorse idriche, le guerre.

Non mancano venti disegni del ciclo sui Dittatori del XX secolo, nei quali Stampone ha ripreso le copertine di importanti riviste internazionali, rielaborando in chiave ironica le immagini, sempre con la tecnica della penna.

Disegni, installazioni e anche un importante video– Saluti da L’Aquila-, incentrato sulla tragedia del terremoto. Le immagini sono caratterizzate dallo scorrere dei nomi delle 308 vittime, per il tempo di durata della scossa sismica e come fossero i titoli di coda di un film.

CIAC FOLIGNO

24 MARZO – 30 SETTEMBRE

UGO LA PIETRA – Istruzioni per abitare la città. Opere e ricerche nell’ambiente urbano dal 1969

GIUSEPPE STAMPONE – Perché il cielo è di tutti e la terra no?

STUDIO LUCIA CRESPI

Ufficio stampa CIAC Foligno

Via Francesco Brioschi, 21 – 20136 Milano

Tel   02.89401645

Fax   02.89410051

Mail  info@luciacrespi.it

Viviana Filippini

Viviana Filippini

Viviana Filippini (Orzinuovi –Bs-, 1981) è giornalista pubblicista e collabora dal 2007 con il quotidiano «Giornale di Brescia» come corrispondente esterno. Si è laureata in Dams (Cinema e audiovisivi) alla Facoltà di Lettere e Filosofia all’Università Cattolica di Brescia con una tesi sul Bildungsroman (Romanzo di formazione), scrive di libri su blog letterari e culturali (Liberi di scrivere, Sul romanzoe IlRecensore). Dal 2015 ha un blog dedicato all’arte (Art in Pills) sul portale Cultora.it. Tiene corsi di Scrittura creativa, di Riscoperta dei Classici della letteratura e di Storia del Cinema. Ha curato le antologie di Racconti bresciani(Vol I, II, III tra poco il IV) per Historica edizioni, 2015 Cesena, e scritto Brescia segreta. Luoghi, storie e personaggi della città, Historica, 2015 Cesena e la storia per ragazzi Furio e la Beata Paola Gambara Costa, illustrata da Barbara Mancini, ebm edizioni, Manerbio 2015. A passo sospeso. The Floating Piers Christo & Jeanne Claude, Temperino Rosso, Brescia 2016. Onte il Camaleonte, ed. Arpeggio libero, 2017. Illustrazioni di Daisy Romero. Ha fatto la speaker radiofonica.

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy