• 31/10 @ 09:27, RT @Dartonit: Iran, il Book Garden di Teheran che ospita i libri censurati dal governo - Cultora (Blog) https://t.co/nOI4f0WUwz #DT #libri
  • 31/10 @ 08:26, RT @Dartonit: Iran, il Book Garden di Teheran che ospita i libri censurati dal governo - Cultora (Blog) https://t.co/jzpkBP48Z5 #DT #libri
  • 30/10 @ 16:05, RT @gbarbacetto: Un po' di Genova a Milano: domani libreria Cultora con Luigi @zingales_it parleremo del libro di Carlotta Scozzari @scarlo…
  • 30/10 @ 15:53, RT @scarlots: Domani, ore 12.00, libreria #Cultora (via Lamarmora 24, mm Crocetta), 1° tappa milanese del "Banche in sofferenza" tour #Cari…
  • 30/10 @ 10:58, RT @mnamon_ebook: Alla Libreria #Cultora https://t.co/FHHhvZ87H0 Sul suo sito BukBook, i dettagli dell'evento del 7 novembre con Tommaso De…
  • 30/10 @ 09:57, RT @Dartonit: Iran, il Book Garden di Teheran che ospita i libri censurati dal governo - Cultora (Blog) https://t.co/gNa0Q7f3Rp #DT #libri

Art in Pills: “Con la rosa tra le labbra” di Ettore Tito

Viviana Filippini di Viviana Filippini, in Arte, Blog, del

 

Quella rosa metafora di vita, Con la rosa tra le labbra di Ettore Tito

Questo dipinto visto da vicino ha un fascino travolgente. Ho avuto la fortuna di incontrarlo l’anno scorso a Brescia, e l’opera Con la rosa tra le labbra di Ettore Tito è davvero coinvolgente. Il dipinto venne realizzato dal pittore campano nel 1895 con la tecnica della pittura ad olio ed è un esmpio di pura essenzialità, nel senso che con pochi elementi, il pittore ha creato un quadro che ancora oggi riesce a toccare l’animo dell’osservatore.

Il dipinto è una tavola di piccole dimensioni dal formato orizzontale. In essa si vede un volto di ragazza dipinto di profilo, con le labbra che stringono una rosa. I tratti della giovane sono dolci e delicati, basta guardare il perfetto arco sopracigliare che sovrasta l’occhio o il naso dritto e delicato. La colorazione scura dei capelli e gli occhi scuri, come le ciglia folte e le soppraciglia, fanno pensare ad una ragazza del Sud Italia.

L’incarnato del volto è un misto tra il rosa e l’ocra, con screziature di un rosa più accentuato proprio dove ci sono le guance. I capelli, raccolti in una crocchia (anche se si notano delle ciocche in fuga vicino al collo), sono scuri, neri con sfumaure rossastre e molto lucidi. La loro lucentezza è evidenziata dalla luce che illumina l’intera figura. A far risaltare ancora di più la tonalità scura della chioma si nota un cerchietto in metallo (argento?) che attraversa il capo della ragazza.

La giovane ha tra le labbra una rosa e la cosa interessante è come i petali del fiore abbiano gli stessi colori del viso della protagonista femminile, in un gioco di parallelismo dove la bellezza della ragazza è paragonata a quella del dolce fiore che ha tra le labbra sottili.

Il fondale del dipinto è di tonalità cromatiche chiare, come se la giovane avesse dietro una parete abbastanza monocroma, tipo un muro esterno o interno dello studio del pittore (questo però non lo sappiamo) sul grigio, con porzioni di colore giallo, ocra, arancio, si nota anche del blu e del grigio, ma esse non disturbano, anzi, non fanno altro che convogliare lo sguardo e l’attenzione dell’osservatore verso la protagonista.

La ragazza è in posa e osserva qualcosa o qualcuno (magari chi le ha dato il fiore) che sta fuori campo e si percepisce in lei una sorta di tensione, di voglia di finirla con lo stare in posa, per dirigersi verso chi o cosa sta guardando.

Ettore Tito ci porta  vicini alla ragazza, alla sua solitudine e quel senso di spensieratezza che la caratterizza e che le permette di tenere tra le labbra quel bocciolo di rosa, senza temerne le spine che potrebbero ferirala e falre del male. Non so, ma questo mi ha fatto pensare all’impavido coraggio di una giovane donna pronta ad affrontare le emozioni, le gioie, i dolori e il tempo che passa e cambia la sua vita e quella delle persone che la circondano.

Viviana Filippini

Viviana Filippini

Viviana Filippini (Orzinuovi –Bs-, 1981) è giornalista pubblicista e collabora dal 2007 con il quotidiano «Giornale di Brescia» come corrispondente esterno. Si è laureata in Dams (Cinema e audiovisivi) alla Facoltà di Lettere e Filosofia all’Università Cattolica di Brescia con una tesi sul Bildungsroman (Romanzo di formazione), scrive di libri su blog letterari e culturali (Liberi di scrivere, Sul romanzoe IlRecensore). Dal 2015 ha un blog dedicato all’arte (Art in Pills) sul portale Cultora.it. Tiene corsi di Scrittura creativa, di Riscoperta dei Classici della letteratura e di Storia del Cinema. Ha curato le antologie di Racconti bresciani(Vol I, II, III tra poco il IV) per Historica edizioni, 2015 Cesena, e scritto Brescia segreta. Luoghi, storie e personaggi della città, Historica, 2015 Cesena e la storia per ragazzi Furio e la Beata Paola Gambara Costa, illustrata da Barbara Mancini, ebm edizioni, Manerbio 2015. A passo sospeso. The Floating Piers Christo & Jeanne Claude, Temperino Rosso, Brescia 2016. Ha fatto la speaker radiofonica.

Cultora © 2017, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy