• 23/09 @ 08:44, I #millennials cambiano i media? Certo, grazie a mamma e papà Di @gepesante https://t.co/M8mZJvK74m #Netlix #Rai… https://t.co/FFbDqFbdZW
  • 22/09 @ 14:14, RT @analolin: Il nuovo circolo di Torino in cui l'aperitivo si paga donando un libro - Cultora https://t.co/XGw4iwAVpi
  • 22/09 @ 14:05, RT @Ale_Donadio: Il nuovo circolo di Torino in cui l'aperitivo si paga donando un libro - Cultora https://t.co/9XM35l49Os
  • 22/09 @ 10:04, RT @MarioGhirardi: Il nuovo circolo di Torino in cui l'aperitivo si paga donando un libro - Cultora https://t.co/0ZAccVqfqL
  • 22/09 @ 08:30, RT @bibliodelfico: Il nuovo circolo di Torino in cui l'aperitivo si paga donando un libro - Cultora https://t.co/1eCPzObVhk
  • 22/09 @ 07:00, RT @valentinaGiul20: Il nuovo circolo di Torino in cui l'aperitivo si paga donando un libro - Cultora https://t.co/krrGs1PrNm

15 librerie per 700 abitanti: questa è Bécherel, il borgo medievale della Bretagna

di Federica Crisci, in Viaggio, del

Bécherel è la meta obbligatoria per chiunque ami la lettura. A rendere il piccolo comune francese situato nel cuore della Bretagna così speciale è la presenza di ben 15 librerie. Il numero acquista un significato ancora più importante se guardiamo al numero degli abitanti della cittadina: 768. Questo significa che è presente una libreria ogni 50 abitanti. Cifre davvero impressionanti che hanno reso Bécherel la prima città del libro in Francia e la terza in tutta Europa.

A seguito della crisi economica e tessile della seconda metà del Novecento, furono investite risorse in progetti culturali che ebbero luogo proprio a Bécherel. Quella che un tempo fu una roccaforte militare, divenne così un punto di riferimento culturale per tutto il Nord della Francia. Numerosi sono gli eventi organizzati all’interno di questo borgo che sono motivo di attrazione turistica. La maggior parte di queste manifestazioni riguarda (sembra quasi inutile specificarlo) il mondo letterario.

Durante la settimana di Pasqua viene organizzata la Festa del Libro, una fiera in cui è possibile aggirarsi tra le bancarelle alla ricerca di opere rare e difficili da reperire. In primavera vengono organizzati un festival dedicato alla poesia, La Primavera dei Poeti, e uno dedicato alle lingue classiche. In agosto si festeggia La Notte dei Libri, mentre ad ottobre ci sono diverse giornate dedicate al mondo letterario con incontri, laboratori, biblioteche itineranti e tanto altro.

Delle 15 librerie (trovate un elenco completo cliccando sul seguente link) ognuna ha la propria particolarità. “La vache qui lit”, ad esempio, è anche cafè, mentre la “Port Saint Michel” contiene una sala da tè. Tra le più belle, sicuramente bisogna menzionare “La Chandelle Verte” che con la sua struttura medievale trasporta il visitatore indietro nel tempo.

La tranquillità e la pace che regnano nel borgo di Bécherel favoriscono l’attività della lettura. Uno dei posti migliori per passare un po’ di tempo a leggere è il giardino di Thabor. Costruito sui resti di un cimitero, dietro la chiesa di Notre Dame de Bécherel, il giardino è un’oasi verde in cui passeggiare per poi sedersi e godere di un buon libro.

 

Federica Crisci


Cultora © 2017, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy